Tabbouleh ricetta palestinese a base di bulgur

Palestina

Questa “rubrica” è nata dal desiderio di condividere con voi le ricette che più mi hanno colpito nel corso dei miei viaggi ma, il tabbouleh l’ho scoperto in un ristorante palestinese nel centro storico di Brescia: I Nazareni. Mi sono innamorata di questo piatto dal sapore fresco e aspro. La ricetta del tabbouleh, o tabulé – che vi presento non è esattamente quella proposta al ristorante soprannominato ma frutto di ricerche ed esperimenti, atti a trovare quella più simile.
Per correttezza ho scelto di definire il tabbouleh ricetta palestinese, ma ora vi racconto in breve la storia di questo piatto delizioso.

Tabbuleh ricetta palestinese

Tabbuleh, ricetta che ha origini siriane e libanesi è oggigiorno molto diffusa nella cucina di tutto il Medio e Vicino Oriente, principalmente in Turchia e appunto, in Palestina sebbene comporti alcune varianti:

Nella cucina libanese, ad esempio, si utilizza più prezzemolo che bulgur – del quale vi parlerò tra poco- mentre in quella Palestina e Siriana il bulgur è l’ingrediente predominante.

 Che cos’è il Bulgur?

Il bulgur pare sia originario della Anatolia – è difficile risalire con esattezza a così tanti secoli fa. Dalle mie ricerche sembrerebbe che questa preparazione sia nominata persino nel Vecchio Testamento, ma non ve lo so dire con esattezza, mi dovete perdonare. Appena concluderò la lettura, vi saprò dire di più.

Quello che so per certo è che il bulgur è fatto con del frumento germogliato, lavato, setacciato e bollito, messo ad asciugare al sole e successivamente macinato.

Dal grado di macinatura e dalla grandezza dei granelli dipende l’utilizzo: una macinatura grande è idonea per minestre e zuppe, mentre la media è perfetta per pilaf, ripieni e insalate – che è quella che più comunemente troviamo in vendita e quella che ci interessa per la nostra ricetta.

Proprietà alimentari

Il bulgur è un alimento prezioso, ricco di fibre e sali minerali come ferro, potassio e magnesio, ricco di fibre e vitamina B, PP e E. Non di meno, è adatto a diete ipocaloriche in quanto 100 grammi di bulgur equivalgono a circa 340 kca.

Ingredienti Tabbouleh ricetta

Ingredienti per il Tabbouleh ricetta palestinese

  • 200 gr di bulgur
  • 1 mazzo di prezzemolo
  • 4 rametti di menta fresca
  • 1 cetriolo
  • 4 cipolotti
  • 2 pomodori da insalata maturi
  • succo di 2 limoni
  • olio extravergine di oliva q.b
  • sale e pepe q.b

Come preparare la Tabbouleh ricetta palestinese:

  • Cuocere il bulgur in 1/5 l di acqua per circa 10 min. Spegnere e lasciare gonfiare per 20 min.
  • Tritare la menta e il prezzemolo, previamente lavato e asciugato.
  • Pelare il cetriolo lasciando qualche strisciolina di buccia  e tagliarlo a dadini.
  • Lavare i cipollotti, eliminare la parte della radice e tritarli finemente.
  • Tagliare i pomodori a dadini.
  • Sgranare il bulgur con l’aiuto di una forchetta.
  • In una ciotola mescolare il bulgur alle verdure.
  • Condire con il succo di limone, olio di oliva, sale e pepe e lasciare riposare per un’ora.
  • Mescolare e servire.
Tabbouleh ricetta Palestinese

Se vi è piaciuto questo post, condividetelo sui vostri canali Social

Condividete questo post anche su Pinterest

Tabbouleh ricetta palestinese grafica per pinterest

 Se vi piace cucinare a tempo di musica, vi propongo l’ascolto di questo brano del trio Mazar, a random, è bellissimo!

Se vi piace l’idea di viaggiare in cucina, vi potrebbe interessare la ricetta dei pasteis de bacalhau portoghesi 

 

Share this Post

8 commenti su “Tabbouleh ricetta palestinese a base di bulgur”

  1. Una ricetta davvero squisita e soprattutto salutare! Il Bulgur io ho iniziato a mangiarlo nel Regno Unito, la prima volta l’ho provato al posto del riso per fare un risotto con i funghi e l’ho adorato. Mi hai dato un’ottima soluzione nel suo utilizzo alternativo, però farò a meno del cetriolo che proprio non mi piace.

    Rispondi
  2. Non ho mai assaggiato il bulgur in questa ricetta, pur avendolo mangiato diverse volte in Turchia e a Londra… devo provare a farla! Il fatto che non sia complicata aiuta viste le mie doti culinarie…

    Rispondi
  3. Adoro provare piatti nuovi, soprattutto etnici, e spesso a casa mi cimento nel ricreare quelli mangiati in viaggio. Questa specialità non la conosco, ma mi attira parecchio per il suo aspetto salutare e secondo me anche per i profumi.

    Rispondi
  4. Ho provato il Bulgur durante il mio viaggio in Turchia e mi era piaciuto un sacco! Non l’ho mai cucinato ma grazie alla tua ricetta potrei provarci!

    Rispondi
  5. Ho mangiato qualcosa di simile in Egitto e in Cambogia ma certamente cucinarlo ora per accorciare la distanza dei viaggi potrebbe essere una bellissima idea!

    Rispondi
  6. Non ricordo più dove ho assaggiato il mio primo Tabbouleh. Da allora lo preparo spesso in estate anche perché gli ingredienti sono tutti facilmente reperibili qui da noi e la ricetta è molto semplice e fresca.

    Rispondi
  7. Israele e la Palestina sono stati il mio ultimo viaggio in solitaria prima del coronavirus. Ora sono in lockdown senza sapere bene quando finirà quindi quale momento migliore per provare a sperimentare la tua ricetta. Grazie del consiglio

    Rispondi

Lascia un commento