Ricetta Tajine di Zucca e Arance – Cucina Marocchina

Care amiche, eccomi con una nuova “puntata” di Viaggiare in Cucina. Oggi vi porto in Marocco dove ho scoperto una cucina profumata e saporita, realizzata con ingredienti semplici il cui sapore viene esaltato da spezie e frutta secca.  E’ una cucina estremamente varia della quale non ci annoia mai.
Vi parlerò della Tajine e vi insegnerò a preparare la deliziosa ricetta Tajine vegetariana di Zucca e Arance: un piatto marocchino dal sapore delicato, preparato con ingredienti di stagione e cotto nell’omonima pentola in terracotta.

donna che cucina in Marocco

La cucina marocchina

La cultura gastronomica marocchina fu arricchita nel corso dei secoli, da una varietà di influenze di diversa provenienza:

Dall’originaria popolazione berbera provengono il couscous, conosciuto e apprezzato in tutto il mondo, e il tajine, di cui oggi vi parlerò; gli arabi hanno introdotto le spezie, che troviamo esposte in montagne multicolori nei suq, i mercati marocchini; dai mori provengono le olive e i limoni in salamoia, mentre i francesi hanno ispirato la pasticceria marocchina.

Dall’insieme di tutti questi influssi risulta una cucina ricca di sapore e colore, in grado di soddisfare ogni palato.

Olive e limoni nella Cucina Marocchina

Che cos’è la Tajine?

La tajine è una pentola da stufato in terracotta dotata di un coperchio alto fatto a cono, che trattiene il vapore e lo fa riscendere nel cibo. Questo tipo di cottura ha il vantaggio di conservare le proprietà nutritive ed esaltare il sapore degli ingredienti. 

La pentola tajine è adatta alla preparazione di piatti leggeri, sia etnici che nazionali, purché sia prevista una cottura lenta.

Come utilizzare la Tajine

La si può utilizzare collocandola al centro del forno preriscaldato, sulla brace o sul gas, in questo ultimo caso non bisognerà appoggiarla direttamente sulla fiamma ma sopra una retina frangi-fiamme che distribuirà uniformemente il calore su tutta la superficie di appoggio. Nel caso la si voglia utilizzare in un piano ad induzione, è necessario usare la piastra adattatrice.

Personalmente preferisco la tajine originale in terracotta, ma esistono in commercio pentole di produzione moderna, smaltate all’interno o con la base in ghisa.

Due cose importanti da sapere sulla cottura nella tajine:

  • La cottura degli alimenti inizia dopo una quindicina di minuti, tempo necessario a far scaldare la tajine, e continua anche a fuoco spento se la lasciate coperta, poiché il calore si mantiene a lungo. Tenetelo a mente quando impostate il tempo di cottura: se il vostro piatto prevede una cottura di 30 minuti, aggiungete altri 15.
  • La cottura degli alimenti parte dal centro della tajine, quindi mettete al centro del piatto gli ingredienti che cuociono più lentamente, come ad esempio la carne. Se invece volete cuocere il pesce, collocatelo in cima agli altri ingredienti.
Ricetta Tajine originale marocchina
Tajine in terracotta marocchine
Tajine in vendita al Suq

Come preparare la Tajine appena acquistata

Prima di utilizzare per la prima volta la vostra tajine, è necessario prepararla, altrimenti si potrebbe rompere. Ma niente panico, il procedimento è molto semplice:

Come prima cosa dovete lavarla solo con acqua (essendo prima di rivestimenti, assorbe gli odori e non vogliamo preparare pietanze aromatizzate al detersivo, vero?) dopodiché lasciatela immersa completamente, piatto e coperchio, in acqua pulita per un paio d’ore. Con l’aiuto di una pezza di cottone, che non lasci pelucchi, ungete l’interno del piatto e del coperchio con dell’olio di oliva. Mettete la pentola nel forno freddo, impostate una temperatura di 150° e lasciatela “cuocere” per un paio d’ore. Toglietela dal forno e lasciatela raffreddare completamente, lontana da correnti d’aria. Lavatela con acqua tiepida, asciugatela e voilà, la vostra pentola è pronta per essere utilizzata!

Questo procedimento è valido per qualunque pentola o teglia in terracotta.

Come lavare la Tajine

Come detto prima, la pentola non ha rivestimenti protettivi (che tra l’altro, sarebbero dannosi alla salute) quindi la dovete lavare semplicemente con acqua e accetto, aiutandovi con una spazzola o con una spugnetta non eccessivamente abrasiva – quelle che normalmente si utilizzano per i piatti, con un lato in spugna e l’altro di colore verde, vano benissimo. Da evitare assolutamente quelle metalliche.

Ricetta Tajine di Zucca e Arance Cucina Marocchina

Dulcis in fundo, siamo arrivate alla ricetta che ho imparato durante il mio viaggio a Marrakech. È una ricetta vegetariana ma se preferite, potete arricchirla con la carne che preferite, tagliata a pezzi.

Ricetta Tajine di Zucca e Arance

Zucca e cipolla

Ricetta Tajine di Zucca e Arance
– Ingredienti per 4 persone

  • 1 zucca media tagliata a dadini non troppo piccoli
  • 2 zucchine tagliate a tocchetti
  • 3 gambi di sedano a pezzetti di 2/3 cm circa
  • 8 pomodori piccoli tagliati a metà
  • 2 arance tagliate a pezzi – con la buccia se biologiche
  • 1 cipolla tagliata fine
  • 1 spicchio d’aglio tritato
  • ½ peperone rosso piccante tagliato ad anelli
  • 1 scatola di pomodori pelati
  • 3 cucchiai di mandorle pelate o a lasche
  • 6 semi di cardamomo, leggermente schiacciati
  • 1 cucchiaino di semi di finocchio
  • 3 bastoncini di cannella
  • 3 cucchiai di olio di oliva
  • 250 ml di brodo vegetale (o semplice acqua)
  • sale e pepe q.b

Ricetta Tajine di Zucca e Arance
Procedimento

  • Riscaldare il forno a 180°
  • Scaldare in una padella 2 cucchiai di olio di oliva e soffriggere a fuoco lento la cipolla, l’aglio e il peperone piccante
  • Aggiungere i pomodori, il cardamomo, i semi di finocchio, i bastoncini di cannella e il brodo. Lasciar cuocere a fuoco basso per 10 minuti. Salare e pepare a gusto
  • Distribuire nel piatto della tajine la zucca, la zucchina, il sedano, il pomodoro preparato precedentemente e l’arancia. Versare la salsa di pomodoro sulle verdure e coprire.
  • Collocare la tajine al centro del forno preriscaldato e lasciar cuocere per un’ora
  • Tostare le mandorle in una padella con il cucchiaio d’olio rimasto, per qualche minuto, a fuoco basso
  • A cottura ultimata, spargere sopra le mandorle tostate e servire
Tajine marrochina cuoco nel suq

Termina qui questo viaggio in cucina. Se avete dubbi scrivetemi nei commenti e se vi è piaciuto l’articolo lasciatemi un feedback e condividetelo sui vostri canali.

Alla prossima e un bacio dalla vostra Crackita

Se ti è piaciuto questo post, condividilo anche su Pinterest

Ricetta Tajine di Zucca e Arance grafica per pinterest
Share this Post

6 commenti su “Ricetta Tajine di Zucca e Arance – Cucina Marocchina”

  1. Ho visto la Tajine in un piccolo negozio etnico dove vado spesso, la guardavo sempre perché é bellissima e molto decorata. Ma non avendo la più pallida idea di come si usasse l’ho sempre lasciata li sul suo scaffale. Ora che ne so di più la comprerò e proverò a preparare questo piatto.

    Rispondi
  2. Il mio compagno cucina tantissimo con la tajine, per cui gli segnalo senz’altro questa ricetta! In Marocco per una settimana che ci sono stata ho mangiato sempre tajine variamente preparate: pollo e limone, pesce, verdure miste, montone… è una cucina tradizionale che mi piace molto.

    Rispondi
  3. L’ho sempre voluta e un giorno stavo per acquistarne una piccola ad un mercatino. Non la presi perché mi dissi “ora vado in giro con questa roba pensate…meglio prenderla più tardi”. Ed ovviamente dopo la bancarella non c’era più.
    La ricetta sembra molto buona! Dovrò comprarla prima o poi!
    Grazie per le spiegazioni, molto utili!

    Rispondi
  4. Ho seguiti i tuoi consigli per preparare la Tajine, che tenevo ormai da anni sopra l’armadio della cucina, e mi appresto a preparare pure la tua ricetta per questa sera. Ti farò sapere. Grazie Crackita!

    Rispondi
  5. Monica, che fame mi hai messo!!!! Avevo assaggiato la tajine con pollo, riso e spezie una volta ed era diventato uno dei miei piatti preferiti. Adesso voglio assaggiare anche questa ricetta!
    Interessante invece il procedimento su come lavare la prima volta la tajine, sai che non sapevo di questa particolare tecnica per le stoviglie in terracotta?

    Rispondi

Lascia un commento