Cosa vedere a Marrakech in due giorni

Marrakech è una città travolgente e chiassosa, impossibile non restare incantate dal centro storico Medina, dai suoi meravigliosi giardini segreti, dal brulicare di gente nella centrale Piazza Jamaa el Fna, dai fantastici colori del tramonto da osservare dalle terrazze dei ristoranti, dal Souk labirintico dove perdersi, letteralmente, e dal fascino dell’ora della preghiera, annunciata dagli altoparlanti posizionati in cima ai minareti. Da non perdere il rito del tè, che vi verrà versato dai camerieri in un modo del tutto particolare, alzando la teiera dal bicchiere di almeno mezzo metro. Marrakech è senza dubbio una destinazione ideale ove trascorrere un weekend, in qualunque periodo dell’anno, eccovi quindi i miei consigli su cosa vedere a Marrakech in due giorni.

Viaggio a Marrakech da sola: sì, ma…

… la sconsiglio per un primo viaggio in solitaria

Mentirei se ti dicessi che è una città semplice da girare a piedi: spesso le strade sono coperte da teli, legno o passatoie, per proteggere dal sole sia i passanti che la merce esposta fuori dei negozi, e ciò non aiuta ad orientarsi, inoltre molte vie non hanno la targa con il nome e  molte delle porte sono prive di numero civico. A creare maggiore confusione e tensione, sono certi abitanti che ti rincorrono domandandoti dove stai andando o cosa cerchi, offrendoti aiuto per poi chiederti la mancia. In questo groviglio di strade nemmeno Google-Maps ti sa aiutare.

Queste sono alcune motivazioni che mi impediscono di ritenere Marrakech una destinazione idonea ad un primo viaggio in solitaria, comunque, nel corso dell’articolo ti darò qualche consiglio che ti semplificherà la vita.

Continua a leggere per scoprire cosa vedere a Marrakech in due giorni.

Cosa vedere a Marrakech in due giorni

Cosa vedere a Marrakech – Primo Giorno

Jardin Majorelle

Ti consiglio di iniziare il tuo soggiorno a Marrakech immergendoti nella bellezza di questo giardino: 12 acri di verde perfettamente curati dove un percorso guidato ti condurrà tra piccoli laghi artificiali, dove convivono rane, tartarughe e fiori di loto; piante gigantesche di cactus e altre piante rare. A fine percorso troverai una stanza espositiva dedicata al noto stilista Yves Saint Laurent, dove potrai ammirare oggetti d’arte, abiti e opere grafiche ispirate all’amore.

Il giardino è stato progettato dall’artista Jacques Majorelle tra gli anni 1920 e 1930 (da cui prende il nome) e nel 1980 acquistato da Pierre Bergè e Yves Saint Laurent; nel giardino, nell’anno 2008, sono state sparse le ceneri dello stilista YSL.

A pochi passi del giardino, potrai visitare il museo dedicato a Yves Saint Laurent.

Jardin Majorelle a due km dalla Medina, raggiungibile a piedi in mezz’ora scarsa, in taxi o con gli autobus L4 o L11.
Aperto da mercoledì a domenica dalle 9:00 alle 18:00

Museo Yves Saint Laurent – aperto da martedì a giovedì 10:00 – 18:00

Jardin Majorelle a Marrakech
Jardin Majorelle
Jardin Majorelle corridoio
Jardin Majorelle finestra

Jardin Secret

Tornando verso il centro storico della Medina, in una stradina apparentemente anonima, troverete l’ingresso di questo luogo paradisiaco.

Giardino lussureggiante, con una fontana centrale dove gli uccellini si rinfrescano abbeverandosi e facendo il bagno… uno spettacolo tenerissimo, almeno per me, amante degli animali. Concediti una pausa all’ombra del padiglione per ammirare i cespugli di rose, le piante esotiche e gli alberi da frutto.

Jardin Secret – Rue Mouassine, 121 – aperto tutti i giorni, da novembre a gennaio dalle 9:30 alle 18:00; da febbraio a settembre dalle 9:30 alle 19:30

Jardin Secret
Jardin Secret

Maison de la Photographie

Proseguendo su via Mouassine, tenendo la destra su Rue Amsafah, imboccando poi Derb Zaouiat Lahdar e andando sempre dritto, troverai il Museo della Fotografia alla vostra sinistra.

Oltre alla terrazza panoramica, potrai ammirare le foto del Marocco e dei suoi abitanti dal 1870 ai giorni d’oggi. Un bel modo per conoscere la storia locale.

Maison de la Photografhie – Rue Ahl Fes, 46 Rue Bin Lafnadek

 
Maison de la Photographie marrakech
Maison de la Photographie - crediti foto ARTDOC

Piazza Jamaa el Fna

Il migliore modo per concludere la giornata è una passeggiata nella piazza Jamaa el Fna, dove troverai chioschi con posto a sedere, venditori ambulanti, donne che ti invitano a tatuarti con l’henné e incantatori di serpenti – che non potrai fotografare (e se lo farai ti rincorreranno per chiederti di pagarli). È il cuore pulsante della città, disordinato e affascinante al contempo.

Non ti sorprenderà saper che questa piazza è stata dichiarata Patrimonio Orale e Immateriale dell’umanità dall’UNESCO.

Per goderti al meglio lo spettacolo, ti consiglio di salire in terrazza di uno dei vari bar/ristoranti attorno, magari sorseggiando un tè.

Piazza Jamaa el Fna
Piazza Jamaa el Fna
Piazza Jamaa el Fna
Piazza Jamaa el Fna al tramonto

Cosa vedere a Marrakech – Secondo Giorno

Shopping al Souk

Il luogo ideale per fare shopping a Marrakech è senz’altro il Souk della Medina, troverai davvero di tutto, dalle bellissime scarpe in pelle (ne ho preso due paia), alle borse, tappeti, lampade, creme, trucchi e il tanto ambito olio di argan. Unica regola, per lo shopping a Marrakech: dovrai contrattare… ogni volta che chiederai il prezzo ti verrà chiesto di fare un’offerta. Se sei come me lo troverai estenuante… ma se invece sei portata, riuscirai a portare a casa qualunque cosa ad un prezzo spesso irrisorio.

Unica raccomandazione: tieni dei punti di riferimento onde riuscire a uscire da questo labirinto. Siccome qui anche Google Maps fallisce, ho fotografato l’inizio di ogni “via” perché dopo un po’ ogni angolo ti sembrerà uguale.  

shopping a Marrakesh
Souk interno
Souk spezie
scarpe al souk

Massadra Ben Jousesef

Poco distante dAl ristorante Le Jardim, si trova la Massadra di Ben Joussef, una antica scuola coranica, considerata la più bella al mondo nonché la più importante del Marocco, in origine la Mosche più importate della città, è oggigiorno un luogo di interesse storico, aperto al pubblico.

Palazzo El Bahia

Sempre all’interno della Medina si trova l’imponente Palazzo El Bahia risalente gli anni 1866 e 1867, con un cortile interno immenso interamente ricoperto di meravigliose piastrelle. Le stanze ormai prive di arredo sono comunque stupende da visitare. L’ingresso irrisorio è di circa 1 euro

La storia di questo bellissimo edificio la trovi qui

Palazzo El BahiaAvenue Imam El Ghazali
Aperto tutti i giorno dalla 9:00 alle 16:45

Palazzo Bahia cosa vedere a a Marrakech
Palazzo El Bahia
Visitare a Marrakech in due giorni
Idee su cosa fare a Marrakech

Mangiare a Marrakech: dove andare

Café Des Epices

Con una terrazza che si affaccia da un lato sui tetti della Medina e dall’altro sulla bellissima piazza (una delle mie preferite) Places des Éspices è uno dei ristoranti che ho più amato. All’interno del Souk, propone la cucina locale rivisitata, in un ambiente moderno e informale.

Agli stessi proprietari appartiene anche il ristorante Nomad, situato nella medesima piazza, consigliato da molti ma dove non sono stata, comunque a te la scelta.

Café Des Epices -Rahba Lakdima, 75 – Medina

piazza des epices
Places des Éspices
Café Des Epices io e Crackita
Café Des Epices cena
Café Des Epices
Café Des Epices

Le Jardim

All’interno del Souk, dietro ad una porta anonima, si nasconde questa oasi verde dall’atmosfera accogliete e chic, con arredi anni ’60.

Ottimi i piatti locali

Restaurante Le Jardim – 32 Souk Jeld Sidi Abdelaziz

Le Jardin Marrakech
Le Jardin

Ristorante di Amanjena

All’interno di uno dei resort più esclusivi di Marrkech, non è un restaurante economico, assolutamente. Ma avendo scelto di trascorrere qui la sera del mio compleanno (motivo alla base del mio viaggio a Marrakech) non posso esimermi di raccomandartelo qualora il risparmio non sia una delle tue priorità. 

Un posto unico, incantevole, dove mi sono sentita la protagonista di una favola da mille e una notti.

Servizio eccellente, cucina ancora meglio, in un ambiente da sogno. Un trio di musicisti locali hanno allietato la serata, suonando per me addirittura i “tanti auguri” e i camerieri mi hanno coccolata a tal punto da regalarmi una bottiglietta di olio speziato, preparato dallo chef.

Amanjena – Route De Ouarzazate Km 12, Marrakesh, Marocco

Amanjena
Miglior ristorante a Marrakech
Ristorante di Amanjena
dove manjare a Marrakech

Consigli utili che ti potrebbero aiutare:

  • Fai in modo di arrivare con la luce del giorno e prenota il tuo trasferimento: se alloggerai alla Medina, sappi che le auto non possono entrare e verrai lasciata in piazza, dovendo poi trovare da sola il tuo alloggio. Vedendoti con un trolley appresso non ti lasceranno in pace. Imparare a dire no in lingua locale ti può servire: si dice LA  
  • Ogni volta che imbocchi una qualunque via, fotografa l’ingresso, ti sarà più semplice riconoscerla perché dopo un po’ ogni angolo ti sembrerà uguale.
  • Cerca di portare con te qualche moneta locale, almeno per il primo giorno: quasi tutti accettano l’euro ma il cambio sarà sempre a tuo sfavore. Dopo di ché potrai acquistare dei Dirham negli appositi uffici di cambio, sparsi per la città.
  • Prima di salire in un taxi, chiedi sempre quanto ti verrà a costare. Nel dubbio, scrivimi e sarò felice ti darti il contatto dell’autista che mi ha accompagnata nel corso del mio viaggio.
  • Se ti troverai a dover chiedere delle informazioni a qualcuno, ti consiglio di rivolgerti a un turista oppure a una donna locale, onde evitare di trovarti a dover pagare per l’informazione appena ottenuta.
Cosa non perdere a Marrakech
Due giorni a Marrakech
Cosa vedere a Marrakech in un weekend

(Cosa Vedere a Marrakech)
Finisce qui la mia guida su cosa vedere a Marrakech. Scrivimi sotto nei commenti se hai qualche domanda, oppure in privato.

Se stai progettando un viaggio in solitaria, potresti trovare utile l’articolo In viaggio da sola – la checklist per viaggiare sicura

Prenota qui la tua attività a Marrakech

Se ti è piaciuto l’articolo, condividilo sui tuoi canali social

Cosa vedere a Marrakech grafica per Pinterest
Condividi questo post anche su Pinterest
Share this Post

16 commenti su “Cosa vedere a Marrakech in due giorni”

  1. Dalle tue foto sembra molto bella, però c’è un però da tenerne conto. Viaggio da sola, alta 1,80 capelli lunghi biondi. Mi vedi. E amo girare per locali la sera. Da sola. Si può fare? Senza problemi? Perché a Dubai l’ho sempre fatto e se rientri a piedi da sola alle 5 del mattino non ti guardano neanche. A Istanbul mi guardavano con molta insistenza ed ero copertissima, era novembre. Poi so già che ci sarà chi dice ma no è la stampa occidentale, ma altre mio han detto che sono invece appicicaticci e fastidiosi. Che ti consigliano di rientrare entro mezzanotte, che una donna sola non va bene, ecc. Oltre ai numeri civici fantasma, e le indicazioni a pagamento, anche questo aspetto è importante per una donna che viaggia sola. e ama fare tardi la sera. E come ripeto anche in Italia, se accetto un drink e due chiacchiere, non significa che ho un desiderio irrefrenabile di venire a letto con te.

    Rispondi
    • Ciao Valentina, sei cosi bella che ti guarderanno insistentemente di sicuro anche in Italia, però girare da sola per locali alle 5 di mattina a Marrakech non è possibile perché non restano aperti cosi tanto, ad ogni modo se vorrai andare per locali ti consiglio di prenotare un taxi per gli spostamenti notturni, perché le strade sono deserte e i locali più belli sono distanti fra loro. Anche accettare un drink da uno sconosciuto locale mi sento di sconsigliartelo… magari da un turista si.

      Rispondi
    • Ciao Francesca, te lo auguro di cuore, ci voglio ritornare anch’io, magari con qualche giorno in più per visitare il deserto e andare al mare. Se vorrai il numero dell’autista che mi ha accompagnata ovunque ad un prezzo più che ragionevole, scrivimi in privato.

      Rispondi
  2. Marrakech mi affascina da molto e avrei voluto andare sia l’anno scorso che quest’anno ma alla fine ho sempre rimandato proprio per un pizzico di ansia nel non sentirmi sicura, pur non viaggiando da sola. Il problema di non potermi orientare tranquillamente e soprattutto il terrore di essere fermata ogni passo non mi farebbe sentire sicura. Probabilmente sono solo mie barriere e basta stare attenti però ci penso sempre due volte ad andarci…

    Rispondi
    • Ciao Veronica, sei una viaggiatrice esperta, e sono sicura che non avrai problemi, per l’orientamento come ho scritto nel articolo, vai man mano fotografando un punto di riferimento ogni volta che svolti. Per L’abbordaggio non puoi farci nulla, solo proseguire dritto, ti inseguiranno per un paio di passi ma poi ti lasciano stare. Se vai sola ti consiglio di evitare il quartiere delle concerie, io infatti non ci sono andata, consigliata a mia volta da un’amica.

      Rispondi
  3. Bella Bella! Come solito un articolo ben approfondito e pieno di consigli utilissimi! Grazie!
    Marrakech è uno dei miei posti preferiti per le spezie e i prodotti locali!

    Rispondi
  4. Mi ero fatta già un intinerario personale per esplorare il Marocco tra Fez, Marrakeh, Casablanca e il deserto di Agafay in due settimane abbondanti in questo 2020 poi… vabbè tutto in fumo.
    Sono innamoratissima di Marrakesh e volevo proprio soffermarmi li, esplorandola a fondo.
    Anche il mio itinerario avrebbe toccato certi punti di cui hai parlato (i più famosi ci sono tutti) ma altri che hai scritto mi sono nuovi e li aggiungerò sicuramente (per esempio il palazzo el bahia, che scoperta!)
    Grazie mille per i preziosi consigli

    Rispondi
  5. Dalle tue foto é meravigliosa e non credevo fosse possibile visitare così tanto in due giorni. Spero di poterci andare un giorno (con il mio compagno perché io ho un senso d’orientamento pessimo)

    Rispondi
  6. Sono stata a Marrakech più volte, sia per vederla che di passaggio e continuo ad amarla moltissimo. Adoro la sua atmosfera, le tajine e i suoi riad. E in qualche modo adoro anche “gli accompagnatori” e i “venditori di tappeti”. Non vedo l’ora di tornarci: il suo tè alla menta è meraviglioso.

    Rispondi
  7. Marrakech è un sogno ormai dai tanto, troppo tempo. Stavo organizzando il viaggio per il prossimo anno ma ho paura davvero di non riuscire a partire per colpa della situazione pandemica. Intanto l’hype mi è salito ancora di più leggendo il tuo articolo che ovviamente mi salvo.

    Rispondi
  8. Marrakech è nella mia bucket list da sempre. Sono innamorata dei suoi colori e immagino solo l’odore di spezie che si può sentire passeggiando tra le vie! Non credevo bastassero solo due giorni per visitarla tutta, meglio cosi! Spero di poterci andare presto

    Rispondi
  9. Oggi leggendo il tuo articolo, ho sognato un po’. Desidero andarci da una vita, ma non c’è mai stata l’occasione giusta. Visto che è in cima alla mia lista, sarebbe stato ideale andarci nei miei anni di viaggi in solitaria dove ero solo io a scegliere la meta, ma l’ho sempre scartata proprio perché non mi sembrava del tutto piacevole andarci sola, diversamente da altre nazioni dove sono andata in tutta tranquillità a fare viaggi on the road.

    Rispondi

Lascia un commento