Cosa vedere a Nazaré, Portogallo

Cosa vedere a Nazaré piazza centro Nazaré
Piazza Souza Oliveira

Come arrivare a Nazaré

La città di Nazaré si trova sulla costa ovest del Portogallo, a 130 km a nord di Lisbona, facilmente raggiungibile in auto, percorrendo l’autostrada A8 oppure la A1 e la N1.

Con il bus della Rede Expressos, con partenza da Lisbona, due volte al giorno, mattina e pomeriggio. Puoi acquistare il titolo di viaggio e consultare gli orari qui.

Con il treno, da Lisbona fino a Valado dos Frades, proseguendo con l’autobus, per altri 6 km.

Taxi da Lisbona, al costo di circa 120 € / UBER da Lisbona, al costo di circa 90 €

Se ti serve sapere come muoverti a Lisbona e dintorni, leggi quest’articolo.

Targhe per paragrafo come arrivare a Nazaré

Storia di Nazaré

Correva l’anno 1182 quando un nobile, proveniente da Porto de Mós, che dava la caccia ad un cervo a galoppo del suo cavalo, vide aprirsi dinanzi a sé, all’improvviso, uno spaventoso dirupo. Terrorizzato implorò salvezza alla Vergine Maria e, con stupore, il cavalo si arrestò.

Come segno di gratitudine, il nobile fece erigere un santuario in quel preciso luogo: l’eremo della memoria.

Il “miracoloso” episodio è riportato nelle immagini dei mosaici che decorano le pareti  del piccolo santuario.

Questo è il racconto sulle origini di Nazaré, storia o leggenda sinceramente non lo so, ma è una bella storia da condividere.

Cosa vedere a Nazaré Statua cervo surfista
Statua di un surfista con la testa del cervo della leggenda
Signora anziana sulla piazza centrale
Piazza principale del Sitio da Nazaré

Per molti anni gli abitanti di questa cittadina vissero esclusivamente della pesca, finché, intorno agli anni ’60, il turismo ha scoperto il fascino di questo villaggio e Nazaré iniziò a farsi conoscere a livello internazionale, accogliendo migliaia di turisti sia nazionali che stranieri, principalmente in estate. Oggi Nazaré è un villaggio vivace, che però non ha perso la sua atmosfera antica.

Percorrere le sue strette vie perpendicolari al mare, dove le sorprese si nascondono dietro ad ogni angolo, ti farà riscoprire uno stile di vita lento e autentico.

N.b.: le foto che vedrai in questo articolo sono state scattate a novembre, ecco la ragione del cielo un po’ cupo.
Dopo questa premessa, diamo inizio al nostro viaggio e scopriamo insieme  cosa vedere a Nazaré.

barca da pesca nazarena Cosa vedere a Nazaré

Cosa vedere a Nazaré – Le onde più alte al mondo

Nazaré ha conquistato fama mondiale quando il surfista Garrett Mcnamara ha surfato un’onda di 23,8 metri nel 2011, entrando nel Guinness dei primati insieme alla più grande onda di surf al mondo. Da gennaio 2018 il record passò al portoguese Hugo Vau, avendo cavalcato la “Big Mama” un’onda di ben 35 metri, sempre a Nazaré.

Molti sono i visitatori che cercano il momento giusto per osservare la forza del Canhão (Cannone): la gola sottomarina di origine tettonica responsabile della formazione di queste onde giganti.

Se vuoi sapere di più su queste straordinarie onde, vai direttamente al paragrafo Praia do Norte, nel frattempo guarda qui sotto i video delle incredibili imprese di Garrett Mcnamara e di  Hugo Vau

La tradizione

Questo piccolo villaggio di pescatori, con case bianche disseminate su ripidi pendii, circondata da enormi scogliere, ha saputo mantenere molte delle sue tradizioni; non ostante il brulicare dei turisti estivi, è facile incrociare pescatori vestiti con camicia a scacchi e pantaloni neri, o donne indossando le sette gonne, magari mentre svolgono qualche tipica attività, come riparare le reti da pesca o mettere ad asciugare il pesce sulla spiaggia.

Cosa vedere a Nazaré Crackita con cappello nazareno
Cappello tipici delle donne di Nazaré
cosa vedere a Nazaré venditrice
Vendittori ambulanti

Cosa vedere a Nazaré: Il Sitio da Nazaré

Fondamentalmente Nazaré è divisa in due: a livello del mare la Vila da Nazaré mentre, in cima alla collina, Il Sítio da Nazaré.

Partiamo dal Sitio da Nazarè, dove è iniziata l’intera storia della città, e dove il pellegrinaggio e il culto prevalgono, essendo il luogo della apparizione della Madonna di Nazaré.

Come arrivare al Sítio da Nazaré

Potrai accedervi sia in auto che a piedi, percorrendo la lunga scalinata che collega la città bassa alla città alta, ma ti consiglio il pittoresco ascensor (funicolare) che dalla Praia da Vila conduce in cima al Sítio da Nazaré.

 

Funiculare per Cosa vedere a Nazaré
Funicolare

La funicolare ti lascerà nei pressi del bellissimo belvedere di Rua do Horizonte da dove avrai una incredibile vista della spiaggia di Pederneira (o spiaggia della Nazaré) un importante porto di mare nei secoli XII e XIV, con uno dei cantieri navali più attivi del regno del Portogallo.

Cosa vedere a Nazaré belvedere
Belvedere di Rua do Horizionte
cosa vedere a Nazaré: spiaggia con gabbiani
Spiaggia di Pederneira e porto navale

Santuário de Nossa Senhora da Nazaré

Il Santuario di Nossa Senhora da Nazaré si trova nella piazza principale del Sítio da Nazaré. È un tempio molto importante, meta di pellegrinaggio, totalmente dedicato alla Madonna di Nazaré e palco della festa che celebra l’apparizione, che dura 10 giorni. Segnati la data: l’8 settembre.

La chiesa risale al XVII secolo ed è stata costruita dal Re Don Fernando per conservare l’immagine della vergine, dopo il crescente pellegrinaggio alla Cappella della Memoria.

Santuario cosa vedere a Nazaré
Santuario di Nossa Senhora da Nazaré

Museo Dr. Joaquim Manso

Situato in  Rua D. Fuas Roupinho 22, nel quartiere Sítio da Nazaré, il Museu Dr. Joaquim Manso popolarmente conosciuto come Museu da Nazaré è un museo storico-culturale della regione incentrato sulla cultura del mare, dove si possono ammirare diverse collezioni permanenti e alcune mostre temporanee.

Le testimonianze millenarie e storiche della presenza umana su questa costa, la storia del villaggio e il culto di Nostra Signora di Nazaré, le barche e gli attrezzi da pesca, il lavoro, le feste e i costumi tradizionali, sono temi che compongono il percorso espositivo allo scopo di raccontare l’identità della regione e il suo profondo legame con l’oceano.

banner final_2012_b cópia (1)

Cappella della Memoria

La piccola cappella della memoria è di grande importanza per i nazareni poiché, come detto prima, rappresenta l’origine di questo villaggio di pescatori.

Stando alla leggenda, la cappella fu costruita a picco sulla scogliera, per ordine di Don Fuas Roupinho, sindaco di Porto de Mós, un villaggio vicino.

Sia l’interno che parte della facciata e del tetto della cappella, sono decorati da bellissimi pannelli di piastrelle bianche e blu del 17° e 18° secolo, dove è possibile vedere le allusioni alla leggenda di Don Fuas Roupinho.

Cappella della Memoria
Interno della Cappella della Memoria

Accanto alla cappella, un monolite ricorda la visita di Vasco da Gama, che chiese fortuna alla Vergine per i suoi pericolosi viaggi.

Monolite di Vasco da Gama
Monolite di Vasco da Gama

Cosa vedere a Nazaré -Miradouro do Suberco

A pochi passi dalla Cappela della Memoria si trova il belvedere Suberco che, alto 110 metri, offre un panorama sull’oceano mozzafiato.

Belvedere del Suberco

Cosa vedere a Nazaré – Forte de São Miguel Arcanjo

Dal Belvedere del Suberco, scendendo a destra per la Estrada do Farol si arriva all’estremità della scogliera rocciosa dove si trova il forte di São Miguel Arcanjo.

La fortezza fu eretta dal Re Don Sebastião nel 1577 come protezione dagli attacchi alla popolazione di pescatori da parte dei pirati algerini, marocchini e normanni.

I successivi lavori di miglioramento e ampliamento furono commissionati a metà del diciassettesimo secolo dal Re Don João IV.

Sul portale principale si trova un rilievo originale con l’immagine di San Michele Arcangelo, accompagnata dalla leggenda “Rei Dom João o Quarto – 1664”, a segnare la data di questi lavori.

Crackita sugli scogli per Cosa vedere a Nazaré
forte di São Miguel Arcanjo
forte di São Miguel Arcanjo
Faro di São Miguel Arcanjo
Forte di São Miguel Arcanjo
Praia do Norte
Interno del Forte di São Miguel Arcanjo

Il promontorio offre eccellenti viste panoramiche, avendo la spiaggia di Salgado a est, il villaggio di Nazaré a nord e la Praia do Norte a ovest.

l’ingresso alla fortezza costa 1 € e ne vale la pena: oltre alla vista, potrai vedere da vicino il rosso faro e le tavole da surf di alcuni dei campioni esposte all’interno.

Cosa vedere a Nazaré – Le Spiagge di Nazaré

Praia do Norte

targa praia del nord - cosa vedere a Nazaré
Praia do Norte

La spiaggia del nord (traduzione di praia do norte) è conosciuta per le onde grandi, e perfette,cdovute all’influenza del fenomeno “Canhão da Nazaré“.

Si tratta di un raro incidente geomorfologico, il più grande in Europa e uno dei più grandi al mondo, costituito da una faglia sulla placca continentale lunga circa 170 chilometri e profonda cinque chilometri.

Questa sorta di “buco” enorme chiamato  “Canhão da Nazaré” (cannone di Nazaré) convoglia le onde dell’oceano Atlantico a Praia do Norte, praticamente senza ostacoli, fornendo la creazione di onde di dimensioni insolite, rispetto al resto della costa portoghese.

Purtroppo è difficile prevedere con largo anticipo i giorni esatti in cui avviene questo fenomeno. Ci vuole un po’ di fortuna. comunque il periodo è tra ottobre e marzo.

Qui la webcam che permette di monitorare le onde in tempo reale

Praia do Norte

Grotta naturale del Forno de Orca

La naturale grotta calcarea del Forno de Orca è situata nella Praia do Norte alla base del promontorio del forte di São Miguel Arcanjo, modellata dall’attività erosiva del tempo.

La grotta è raggiungibile solo con la bassa marea.

Grotta del Forno nella Praia do Norte

Praia da Nazaré – o praia da Paderneira

I primi riferimenti sulla pesca a Nazaré risalgono al 1643, tuttavia, solo all’inizio dell’ottocento la popolazione cominciò a sistemarsi vicino alla spiaggia.

I pescatori vivevano soprattutto negli altipiani – Sítio e Pederneira – a causa dei continui attacchi dei pirati che rendevano la spiaggia insicura. Fu solo nel secolo XIX, dopo le invasioni francesi, che le condizioni di sicurezza divennero sufficienti da permettere ai pescatori di stabilirsi vicino all’acqua.

La spiaggia della Vila è la più frequentata dalla popolazione locale, è qui che le donne mettono il pesce ad essiccare e dove è possibile acquistarlo.

Il lungomare è il posto ideale per passeggiare e acquistare qualche souvenir artigianale.

Lungo mare della Vila da Nazaré

Praia do Salgado

La immensa spiaggia di Salgado rimane a sud, lontana dal centro del villaggio. Ci si arriva unicamente in auto, parcheggiando nell’ampia area di sosta gratuita e molto vicina alla spiaggia.

Protetta dalla Serra da Pescaria (a nord) e dalla Serra dos Mangues (a sud),  è la destinazione preferita sia per coloro che amano la tranquillità, sia per chi pratica sport di avventura come il deltaplano o il parapendio per vie delle sue condizioni naturali. 

La qualità delle acque della spiaggia di Salgado ha ottenuto diversi riconoscimenti “Golden Qualità”, certificato rilasciato dall’Associazione Ambientalista Quercus.

Importante dire che la spiaggia non è sorvegliata da bagnini: fai attenzione.

Spiaggia di Salgado

Cosa vedere a Nazaré – Vila da Nazaré

Il “Villaggio di Nazaré” è la parte bassa della città, più abitata e più commerciale rispetto alla parte alta, è anche la zona con più vita notturna, grazie alla presenza dei numerosi bar del lungomare.

Monumento alla Donna di Nazaré

Il Monumento alla Donna di Nazaré si trova nel Largo dos Cedros all’interno del villaggio turistico di Nazaré.

Questo monumento in onore della donna nazarena è stato creato da Fernando Pedro e inaugurato nel 1998. Fontana con scultura in ferro che onora la donna nazarena, da sempre di carattere forte, lavoratrice e devota al villaggio: mentre i nazareni si avventuravano in mare, le donne rimanevano sulla spiaggia, dedicandosi alla vendita e alla essiccazione del pesce e, anche se diminuita nel corso del tempo, questa tradizione è tutt’oggi attiva.

Una curiosità inerente all’abbigliamento tipico delle donne di Nazaré sono le Sette Saias: le sette gonne fanno parte della tradizione, del mito e delle leggende di questa terra così strettamente legata al mare.

Si dice che rappresentano le sette virtù; i sette giorni della settimana; i sette colori dell’arcobaleno; le sette onde del mare, tra le altre attribuzione bibliche e magiche che coinvolgono il numero sette.

Le Nazarene avendo l’abitudine di aspettare a lungo i loro mariti e figli, dal ritorno della pesca, sulla spiaggia, sedute sulla sabbia, usavano le varie gonne per coprirsi dal freddo: quelle superiori per proteggere la testa e le spalle e le altre per coprire le gambe, rimanendo così sempre “composte”.

Casa Museu dos Pescadores

La piccola e bellissima Casa Museo dei Pescatori rimane in Rua João Sousa Lobo 10B  nel villaggio turistico di Nazaré.
Inaugurata nel 1999,  è stata creata dall’iniziativa privata di un amante delle tradizioni della sua terra natia.

Interno ed esterno rappresentano la tipica casa di una famiglia di pescatori e venditori di pesce, tra gli anni 1930 e il 1950, con elettrodomestici e mobili dell’epoca e alcune miniature di vecchie barche tipiche.

Purtroppo l’ho trovato chiuso con il cartello “vendessi”… perciò non ti so dire se il museo continuerà ad essere visitabile in futuro.

facciata museo - cosa vedere a Nazaré

Cappella della Nossa Segnora dos Aflitos

Si trova sull’Avenida da Republica da Nazaré, di fronte al mare.
Dedicata al culto di Nostra Signora degli Afflitti fu costruita nel 1760, per volere dei monaci cistercensi di Alcobaça, per lì ricevere la decima del pesce, dato che i pescatori si rifiutavano di andare fino a Pederneira per pagare la tassa.

Sulla porta esisteva una fessura e all’interno una cassa di legno inchiodata, dove i devoti lasciavano le loro elemosine per la Santa.

La facciata è interamente rivestita da azulejos a motivi bianchi e blu, tipici del Portogallo.

cosa vedere a Nazaré Chiesa

Capella di Santo António

La cappella di Santo António si trova anch’essa sul lungomare Av. da Republica da Nazaré. Fu costruita nel 1861, con il denaro dei pescatori, che contribuirono con parte del loro profitti.

La facciata è interamente ricoperta di piastrelle (azulejos). L’interno a navata unica, soffitto in legno e le pareti decorate con azulejos ad effetto boiserie, accoglie nella cappella principale l’immagine di Sant’Antonio.

Se vuoi fermarti a cena o a pranzo a Nazaré, clicca qui per scoprire i mie ristoranti preferiti.

Spero di esserti stata di aiuto e di averti invogliata a visitare questa bellissima città, una delle mie preferite sulla costa del Portogallo.

Se hai bisogno di altre informazioni, o se vuoi raccontarmi la tua esperienza scrivimi nei commenti oppure privatamente qui.

Se sei già in viaggio o se stai programmando un viaggio in Portogallo, troverai nel blog diversi articoli che potrebbero interessarti nella pagina Travels,  altrimenti scrivimi:  il Portogallo è la mia nazione natia e sarò felice di aiutarti.

Se ti è piaciuto quest’articolo su Cosa visitare a Nazaré, condividilo sui tuoi profili Social 😉

A presto! Un bacio dalla vostra Crackita!

 

Cosa vedere a Nazaré grafica per pinterest
Condividi questopost anche su Pinterest
Share this Post

37 commenti su “Cosa vedere a Nazaré, Portogallo”

  1. Conosco poco il Portogallo e non conoscevo questo villaggio, ma io amo i borghi di pescatori e la tua descrizione: le case bianche disseminate su ripidi pendii, le enormi scogliere, i pescatori all’opera e quelle onde imponenti (l’immagine è incredibile) lo rendono una meta da inserire nella mia lista dei desideri. Uno dopo l’altro sto visitando tutti i paesi europei affacciati nell’oceano atlantico.

    Rispondi
    • Ciao Sabina, se ti capiterà ti consiglio di visitare anche Ericeira, poco distante, e Obidos, appena all’interno ma meravigliosa. Sono poco distanti da Lisbona.

      Rispondi
  2. Mi piacerebbe un giorno, quando non avrò più così tanti problemi economici, prendere lo zaino e partire per un lunghissimo viaggio, questa località trasuda storia, eleganza, arte e ovviamente ottima cucina, viaggiare senza una meta precisa sarebbe fantatsico, solo così ti puoi godere a pieno tutto quello che vuoi.

    Rispondi
    • Ciao Katrin, il Portogallo è una buona destinazione per chi non vuole o non può spendere tanto, ho viaggiato lungo la costa, spesso in tenda, preparando i pasti da me ma si mangia davvero con pochissimo, anche nei ristoranti

      Rispondi
  3. Il Portogallo è una meta se ci penso bene nemmeno così fuori radar e nemmeno così lontana eppure non l’ho mai presa in considerazione, tuttavia leggendo il tuo diario di viaggio mi chiedo come mai? Wow mi sono innamorata!

    Rispondi
    • Ciao Cristina, è vero, in aereo ci si mette appena un paio di ore. Credo ti potrebbe piacere, è una nazione ricca di storia e tradizione

      Rispondi
  4. Non sono mai stata in Portogallo, grazie per avermi fatto scoprire qualcosa di più su questa terra meravigliosa

    Rispondi
  5. Non conoscevo questo luogo di pellegrinaggio e mi ha catturata la storia che c’è dietro alla costruzione della chiesa. Anche il villaggio mi sembra molto bello e sicuramente da visitare nei miei prossimi viaggi

    Rispondi
  6. Quest’anno che probabilmente non potremo allontanarci molto con i nostri viaggi sicuramente valuterò il Portogallo e mi piacerebbe moltissimo vedere queste zone, in particolare il Belvedere del Suberco!

    Rispondi
    • Ciao Nicoletta, se deciderai di visitarlo ti consiglio anche Ericeira e Obidos, a circa 50 km a nord di Lisbona. (Nazaré sta a 120 km)

      Rispondi
  7. Il Portogallo è un posto meraviglioso, l’ho sempre scoperto attraverso le letture e questo post ne conferma la bellezza.

    Rispondi
  8. Che bello questo articolo! Il Portogallo è nei miei pensieri da sempre e a dir la verità sto anche pensando di trasferirmici (continuo ad imbattermi in post sul Portogallo, saranno segnali dall’universo?)!

    Rispondi
  9. un articolo davvero molto bello, e’ stato piacevle leggerlo .Il portogallo e’ davvero stupendo, sper di tornarci al piu’ presto

    Rispondi
  10. Mi sono innamorata del Portogallo quando vi ho messo piede l’anno scorso. Non ho visitato questa zona e non conoscevo né la leggenda che si cela dietro né usi e tradizioni del luogo. Davvero interessanti e ci sono moltissimi luoghi da vedere.

    Rispondi
  11. Bellissimo articolo, mi hai fatto viaggiare con la fantasia! Tra paesaggi, storia, leggende e onde da ammirare, questa località mi ha sempre affascinato.

    Rispondi
    • Ciao Cristina, grazie! Le foto presenti nell’articolo sono state scattate nel mese di novembre, in primavera/estate i colori sono più belli. Le onde così alte ci sono solo tra novembre e marzo

      Rispondi
  12. Sono già stata a Lisbona e mi era piaciuta molto. Stavo anche pensando di farmi una settimana in Portogallo sul mare e qui mi sembra un luogo interessante: una bella spiaggia, spero attrezzata con i lettini, i surfisti, che spero siano attraenti, anche l’occhi vuole la sua parte, io poi viaggio da sola come te. Non parli però della sera: la sera proprio perché da sola, amo uscire, andare in locali eleganti e glam, cosa offre alla sera?

    Rispondi
  13. Il Portogallo per me è una vera scoperta e le tue foto e il tuo articolo mi hanno veramente incantato!!!

    Rispondi
  14. Sono passati più di 10 anni dal viaggio on the road di una settimana in Portogallo in compagnia delle mie amiche. Avevamo fatto tappa a Nazare e ricordo benissimo la spiaggia con le barche dei pescatori gigantesche e coloratissime!!! Mi ricordo anche di una zuppa di pesce fenomenale… dovrei rifare quel viaggio con Marco e sicuramente includerei questa tappa e quella di Obidos, oltre ovviamente a Lisbona e Sintra!!!

    Rispondi
  15. Ammetto che non ero a conoscenza di Nazarè. Sono stata a Lisbona e mi è piaciuta tantissimo! Mi piacerebbe tanto tornare in Portogallo a visitare Porto e Faro. Se mai sarà così, aggiungerò sicuramente anche Nazarè! Grazie per avermela fatta conoscere😊

    Rispondi
    • Ciao Alice, se avrai occasione di noleggiare un auto, non perderti Ericeira, è di strada, sempre sul mare, è stupenda.

      Rispondi
  16. Grazie al tuo blog ho modo di conoscere una terra, quale il Portogallo, che mi ha sempre incuriosita e di questo ti ringrazio. Per quanto riguarda Nazarè, devo essere onestà: non la conoscevo.
    Le sue onde maestose, i suoi monumenti, il museo dedicato ai pescatori e alla donna meritano assolutamente di essere visti e conosciuti. Spero di avere modo di recarmici.
    Maria Domenica

    Rispondi
  17. Quante informazioni! Sto cercando una metà non troppo lontana è facile per regalare un mini viaggio per i quaranta del marito, penso che questa sarà tra le papabili!

    Rispondi
  18. Una descrizione super dettagliata come solo tu potevi fare e molto utile per poter visitare meglio un luogo così bello. Ottimo consiglio, grazie!

    Rispondi
  19. Ho voglia di Portogallo! Da quando seguo il tuo blog passa sempre per casa un pezzo di baccalà, i ninnoli si tingono di turchese e rosso e la voglia aumenta. Non conoscevo Nazarè ed adesso ho una gran voglia di partire!

    Rispondi
  20. Ciao, innanzitutto complimenti per il tuo blog, sto trovando tante informazioni utili per il viaggio che sto progettando, on the road sulla costa del Portogallo, da Lisbona a Porto. Nazarè l’ho già inserita, ma volevo chiederti se, secondo te, ha senso deviare a Fatima

    Rispondi
    • Ciao, grazie per i complimenti 🙂 Fatima dista un’ora scarsa da Nazaré, il che fa due ore, per rimetterti in strada sulla costa. Dipende da ciò che cerchi. Se sei di fede Cattolica assolutamente si perchè il statuario è molto suggestivo, la città però non offre molto.

      Rispondi

Lascia un commento