🇮🇹 A Spasso per Monte Isola

Comments 4 Standard

Read in English🇬🇧

Nuovo Kindle Oasis

Olá!
Accolgo l’autunno sul Lago di Iseo.
Vi confesso: è il mio preferito fra i laghi lombardi. Ha per me un no so che di misterioso misto nostalgia, che tanto mi ricorda la mia terra.

IMG_3394.JPG

Soggiornerò in tenda a Marone, un paesello con poco più di 3000 abitanti. Ho scelto il Camping Vela.
Se anche voi, come me, prediligete il silenzio e la quiete questo è il  luogo che fa per voi: un piccolo campeggio in riva al lago dove regna la tranquillità. Qui non troverete animatori molesti o ragazzini che fanno baccano al bar con musica fino a tardi! Qui ascolterete soltanto il suono dell’acqua e dei vostri pensieri.

tendaIMG_2302

Poco distante dal campeggio – una passeggiata di una ventina di minuti – si trova l’imbarcadero di Sale Marasino da dove parte, giorno e notte, il traghetto per Carzano sul Monte Isola. Anche da Sulzano è possibile raggiungere il Monte Isola giorno e notte attraccando però a Peschiera. Questa breve tratta costa €2,00 con un eventuale supplemento bici di €2,60.
Purtroppo la stagione è finita ma da metà marzo a fine settembre è possibile fare il giro dell’intero lago – da Pisogne a Sarnico – con un biglietto di €5,50 valido per 3 ore; mentre il giornaliero, per chi vuole fare delle soste intermedie, costa € 13,50 (€19,50 se avete con voi la bicicletta). Troverete queste ed altre interessanti informazioni al seguente link :
http://www.navigazionelagoiseo.it/

IMG_0569 2

Imbarcadero di Sale Marasino

Lascio terra ferma a bordo del traghetto dal molo di Sale Marasino in direzione a Carzano

IMG_0534 2

l’Isola divide in due il Lago di Iseo: lato est sponda Bresciana, lato Ovest sponda Bergamasca. Ha un’area totale di 12,8 km² e conta all’incirca 1.750 abitanti. E’ l’isola lacustre più grande d’Italia e la più alta di tutta l’Europa raggiungendo un’altitudine di 600 metri s.l.m.
Nel 2007 entrò a far parte della classifica dei Borghi Più Belli D’Italia. Ecco cosa leggiamo sul sito web della pregiata guida:

La meraviglia di Montisola, la prima che salta agli occhi insieme con il panorama mozzafiato, è che non ci sono automobili. Niente rumore (solo quello dei motorini dei residenti), niente smog, niente stress. Tutti a piedi o in bicicletta: l’unico mezzo consentito è il pulmino del Comune, per raggiungere le dodici frazioni. Ma il consiglio è zaino in spalla e camminare inoltrandosi per i sentieri solitari che costeggiano il lago o salgono verso i poggi, e lasciarsi andare alle rêveries come novelli Rousseau. Le rive del lago sono rallegrate da giardini, ulivi, fiori, ampi terrazzi coltivati a vite, e sulla spiaggia si può conversare tranquillamente senza farsi prendere dall’affanno del tempo.

… ed io seguirò il loro consiglio!

IMG_1521.JPG

Dal porto di Carzano mi dirigo verso sud e subito mi trovo davanti queste bellissime sculture, nei presso del parcheggio per le motociclette. Non ho informazioni a riguardo e me ne dispiaccio. Sono straordinarie non trovate?

img_3175

Poco più avanti, sull’unica strada che porta a Peschiera Maraglio, si erge l’incantevole chiesa di San Giovanni Battista. La sosta è obbligatoria!
Questa piccola chiesa barocca risale alla prima metà del Settecento e il suo interno è, a dir poco, notevole.

img_3184img_3187

La strada riva al lago che da Carzano porta a Peschiera è priva di abitazioni ma ornata da queste piccole Taxodium appena piantate. Raggiungeranno i 30 metri di altezza. Quest’albero è originario degli Stati Uniti (importato in Europa per la prima volta nel XVII sec). L’ambiente acquatico è perfetto per loro. E’ una pianta molto longeva che può arrivare  ai 1.000 anni!

IMG_0553 2

Dopo una quarantina di muniti di passeggiata eccomi a Peschiera Maraglio, un tempo abitata quasi interamente da pescatori e artigiani delle reti da pesca. Oggi è il luogo più turistico dell’isola e non c’è da cui stupirsi.

img_2979

img_2973img_2978

IMG_0542 2

Proseguo la strada lungo il lago, giro l’angolo ed essendo ora di pranzo, mi fermerò al “Ai Tre Archi” un ristorante a Sensole che già conosco e che vi consiglio vivamente oltre che per il cibo, anche per la gentilezza e competenza della proprietaria che, si vede, ama il suo lavoro.
Vi consiglio l’antipasto di lago e, se amate sperimentare, le sardine di lago. Sappiate che sono estremamente saporite perché passano dalla salatura all’essiccazione prima di essere messe sottolio – Io le adoro!
State attenti però, a non sbagliare – Il complesso è diviso in due ristoranti, il “Ai Tre Archi” è quello con le reti arancio dove mangerete bene spendendo meno del giusto.

img_2988

Riprendo la strada verso Ovest ed ecco il ricordo di Floating Piers!
Non posso fare a meno della foto di rito…
Come sicuramente sapete, il Floating Piers è stata un’installazione artistica temporanea dell’artista Christo, concepita come una passerella che attraversava le sponde del lago d’Iseo per una lunghezza complessiva di 3 chilometri.

img_3003

La strada di Sensole si srotola tra gli ulivi, in una pace ineguagliabile, in questa stagione.

img_3017-1

In cima alla collina dietro di me c’è la Rocca Martinengo ed è la che sono diretta.

img_3012

Lungo in cammino vi accorgerete di qualcosa di meraviglioso: Un rifugio paradisiaco per gatti del nome “Gatti al Sole”. La colonia esiste da circa 20 anni. I piccoli sono curati da volontari e da una veterinaria amorevole. Chiunque volesse essere di aiuto può effettuare una donazione cliccando sul tasto DONAZIONE nella loro pagina facebook  o, in loco, inserendo il vostro contributo direttamente nel “tubo”.

Dal golfo di Sensole è ben visibile la bellissima isola di San Paolo, proprietà privata della famiglia Beretta dal 1916.
Pare che, fino alla fine dell’800 l’isola fosse, da qui, raggiungibile a piedi, in alcuni periodi dell’anno.

IMG_1516

Esco da Sensole e… la strada in salita non è ancora finita!

IMG_3053

Arrivata in cima, dove inizia la sponda bergamasca, la vista è mozzafiato. Peccato la giornata non sia limpida…
Mi riposo un attimo vicina a questi fiori di topinambur.

IMG_3063

In questo meraviglioso belvedere ammiro queste macine in pietra dette “molazze” appartenenti al primo frantoio in pietra per la spremitura a freddo delle olive di Monte Isola, funzionante nella frazione di Siviano dall’anno 1957 al 1962. A seguito della chiusura del frantoio, mentre le macine venivano portate alla terraferma per essere vendute, sono cadute affondando nel lago essendo poi ricuperate nel anno 1996 dal Gruppo Sub di Monte Isola che la ha donate al Comune. Sono qui state esposte nel settembre dell’anno 2017

IMG_3065

Arrivo a Menzino e fra le grandi case di pietra spicca questo malandato palazzo, fortunatamente in fase di ristrutturazione. Quest’edificio seicentesco – Palazzo Zirotti – fu donato al Comune all’inizio del ‘900 dalla proprietaria Gianna Zirotti Richieri, completamente arredato con ambulatorio e attrezzature mediche, per istituire una condotta medica autonoma, allora inesistente sull’isola. Da allora questa casa divenne per gli abitanti “la cà dèl dutur”.

 

IMG_3068.JPG

Poco più avanti, si trova un piccolo gioiello che, avvicinarmici, mi fa sentire un personaggio dei libri di Jane Austen: la Chiesa di San Carlo, fatta costruire per un voto dopo l’epidemia per la peste del 1630

san carlo.JPG

Dalla stradina in salita che la costeggia dal lato interno dell’sola, si arriva al castello Oldofredi, costruito nel XIV secolo su di uno sperone roccioso rivolto sulla sponda bergamasca, da dove era possibile controllare tutto il lago da nord a sud.
Trovate dettagliate informazioni qui

DSCN0969 (1)

Arrivo a Siviano. Ci sono pochi posti da dove ammirare la vista sul lago…

siviano

…ma questo limite di velocità fa di questo luogo un paradiso terrestre!

segnale

Nel 1928 il comune di Siviano fu fuso con Peschiera Maraglio, a formare il nuovo comune di Monte Isola, abbracciando l’intera isola.
La chiesa dei Santi San Faustino e Giovita, dedicata ai Santi Martiri bresciani, edificata nel XVI secolo fu ricostruita nello stesso luogo fra il 1735 e il 1754. Benedetta nel 1759 e consacrata definitivamente nel 1946.

siviano 2

Incantevole il fioraio del paese

siviano2

La strada è ora in discesa, e qui è di sicuro il luogo delle fate.

casa.JPG

Appena svolto l’angolo… eccola là… la mia passione personale: l’isola di Loreto

isola.JPG

La vista non è eccezionale, lo so, ma ho una foto che ho scattato in un’altra occasione :
Questa meraviglia di castelletto fu fatto costruire da Vincenzo Richeri, capitano di vascello nella Regia Marina e dalla sua sposa la Signora Giannina Zirotti di Sale Marasino  (già sopra menzionata) nel anno 1910.

isola xx.JPG

Continuo la mia discesa ed eccomi nuovamente a Carzano 

carzanow.JPG

Passeggio al porto in attesa del traghetto

albero

porto

porto 2

Trovo già appesi i manifesti per la prossima Festa di Santa Croce:
A Carzano, ogni 5 anni si rinnova un’antica tradizione dove, per 4 giorni, tra il sacro e il profano, il paese si adorna di fiori fatti a mano dagli abitanti. Il ol festù del deaol (il festone del diavolo) cosi la chiamano i “dirimpettai” di Sale Marasino per sottolineare lo sfarzo ritenuto un tempo eccessivo rispetto alle possibilità dei pescatori, è una festa attesa e famosa in tutto il Sebino richiamando, senza esagerare, migliaia di turisti. Appuntamento a settembre 2020

img_3191

Sul traghetto fa piuttosto freddo ma non rinuncio a stare seduta fuori

freddo

Saluto la “mia” isola ma so che tornerò presto

viaggio

Mi accoglie la bellissima Sale Marasino, splendida riflessa nelle acque del lago

riflesso.JPG

Ultimo sguardo al tramonto lacustre prima di rientrare in campeggio

ultimo.JPG

Vi saluto, stanca confesso, dal mio sacco-a-pelo augurandomi vi sia piaciuto essere stati a a spasso con me.

tendai.JPG

A voi la mappa dell’isola, il percorso che ho fatto è quello esterno, in rosso da Carzano a Peschiera e in blu da Peschiera a Carzano

mappa.pngm.s.

Se avete domande o suggerimenti, scrivetemi nei commenti!
Ciao dalla vostra Crackita

🇮🇹 A Spasso per il Lago di Èndine

Comments 2 Standard

Read in English🇬🇧

 

Nuovo Kindle Oasis

Olá! Sto andando alla scoperta di uno dei laghi meno conosciuti della Lombardia: il Lago di Èndine. Questo piccolo oasi si trova in valle Cavallina, in provincia di Bergamo a 30 km del capoluogo e a 60 km da Brescia.
Lo si può raggiungere in auto, percorrendo la strada che porta a Endine Gaiano. Per chi arriva da Brescia la strada è meravigliosa perché costeggia il lato est del lago di Iseo.

Giunti a destinazione si può parcheggiare in uno dei tanti spazi adibiti e gratuiti, ai lati della strada.
Lascio l’auto a San Felice al Lago, nel parcheggio a fianco alla chiesa di San Michele Arcangelo, un gioiello costruito nel 1628.

IMG_1314.JPGIMG_1277

Il percorso pedonale costeggia l’intero perimetro del lago ed è lungo 16 km (percorribile in 3 ore circa). Il percorso è semplice, senza dislivelli, adatto alle famiglie. Lungo il cammino si trovano diversi bar dove rifocillarsi o bere qualcosa di fresco, in completa pace.

IMG_1312

IMG_1281

E’ un luogo incantevole, particolarmente ricco di vita animale, adatto alla nidificazione di specie dell’avifauna stanziale e migratoria come il germano, la folaga, la gallinella d’acqua, il cigno, il tarabusino, lo svasso, l’allocco, il martin pescatore ma anche rifugio di numerose varietà di anfibi e di pesci.

IMG_1302

… il tutto incorniciato da forti e curiosi alberi che costeggiano l’intero perimetro del lago e accompagnano il percorso pedonale tali come salici, pioppi, ontani e rari platani

IMG_1311

IMG_1329

Sono sicura che troverete il posto ideale per il vostro picnic con pennichella al seguito

IMG_1317

Bellissime le piante acquatiche che io non mi stanco di ammirare; tra le altre la  canna palustre, i giunchi e le ninfee bianche, sono le mie predilette

IMG_1307

Ma se preferite qualcosa di più movimentato potete farvi un giro in pedalò o in una barchetta a noleggio. E’ possibile la pratica di sport acquatici come vela, windsurf, SUP o canoa mentre è severamente vietato l’uso di barche a motore. Nemmeno il capeggio è permesso ma, dal 2017, è possibile farsi una bella nuotata!

IMG_1300

IMG_1280

Nei giorni più freddi dell’inverno il lago si ghiaccia e lo si può percorrere a piedi; in alcuni punti si può persino pattinare – anche se vietato dai regolamenti comunali per motivi di sicurezza.

IMG_1318 (1)

 

Questo slideshow richiede JavaScript.

m.s.

Spero vi sia piaciuto questo pomeriggio insieme.

Per domande e suggerimenti, scrivete qui sotto, nei commenti.
Ciao dalla vostre Crackita

 

🇮🇹A Spasso per Val Bertone

Comments 2 Standard

Read in English 🇬🇧

Nuovo Kindle Oasis

Olá! Oggi voglio farvi conoscere un angolo di pace e relax, un luogo a pochi km dal centro di Brescia,  la città dove vivo ora.
Vi porto in Val Bertone, pronti a partire con me?

IMG_2368

Si Parte!

Mi dirigo in auto verso la zona nord della città, seguendo le indicazioni per lo Stadio e subito dopo quelle per Nave – Valle Sabbia: le indicazioni stradali sono chiare, non potete sbagliare.
La strada che dalla zona Nord di Brescia porta verso Nave sale leggermente ma si guida con facilità; appena dopo il centro di Nave, proseguo dritta per  Caino.
Qui la strada inizia a diventare più tortuosa, ma non preoccupatevi, si percorre agilmente anche con una piccola utilitaria.

excartieregiustacchini

Ex Cartiere Giustacchini in valle delle cartiere di Nave e Caino

Osservo con stupore le vecchie cartiere alla mia destra, molte delle quali abbandonate e rimaste simbolo della passata ricchezza industriale di questo luogo,  mentre alla mia sinistra le colline diventano sempre più verdi e rigogliose.

Se volete saperne di più riguardo le cartiere vi consigli questo libro, molto interessante.

Siamo quasi arrivati… Il centro del paese di Caino  si sviluppa su un ampia curva a destra, passata la curva dobbiamo solo proseguire per un paio di km prima di raggiungere, sulla sinistra, un ampio parcheggio sterrato.
… ed eccoci arrivati!

d52af917-58f9-4d8c-bec1-28addae37b72329a2574-ecf7-4e3e-a3ec-134928391a02
Da qui abbiamo due scelte:
Possiamo parcheggiare e proseguire a piedi – la scelta più ecologica e salutare – oppure arrivare con l’ auto alla sbarra, pagare il permesso giornaliero ad uno dei guardiani (offerta libera con un minimo di 2 euro) ed imboccare la strada sterrata, lunga circa 2 km, che permette di raggiungere il parcheggio di destinazione. L’ingresso al parcheggio è ad esaurimento posti, circa una ventina.
Oggi salirò in auto, perché farò un picnic ed il mio zaino è piuttosto pesante; per chi prosegue a piedi consiglio scarpe da ginnastiche o da trekking leggero ed una bottiglietta di acqua.
La camminata è di circa 15 minuti in salita ma poco impegnativa, a portata di bambino.

a777eff6-75f6-439e-9d71-9301be8ad298

Rifugio gestito dai “Gnari  della Val Bertone”

All’arrivo mi accoglie il Rifugio gestito dai “Gnari  della Val Bertone”, un gruppo di volontari che dal 2014 gestisce questo angolo di paradiso, tenendo curata e sorvegliata la zona allontanando chi non rispetta la natura ed i suoi abitanti.

cb0bde2c-f32d-4710-91b2-c5040c7ac151

Ho volontariamente fatto la tessera associativa , del costo di 5 euro annuali: in questo modo non solo sostengo il loro abile lavoro, ma ho l’opportunità di mangiare  nel loro caratteristico rifugio in  legno a prezzi davvero economici.  Qui trovate la loro pagina Facebook 
Dal menù potete scegliere tra grigliate, formaggio fuso, panini imbottiti e spesso, anche se non sempre, troverete in lista piatti di verdura e spaghetti nella versione aglio olio e peperoncino oppure al pomodoro. Una cucina gustosamente casalinga preparata dall’adorabile cuoca, la signora Franca. Parola d’ordine: adattarsi e socializzare.

Leggo con piacere nella nota affissa vicino alla cassa che nel faggeto qui vicino, nel periodo estivo, si possono seguire delle lezioni di yoga, della durata di un ora ciascuna; oggi forse ne approfitterò, ma prima pensiamo a dove accomodarmi per il mio picnic.

b791083e-751c-477c-8e1d-d75aa7c950ae

70468582-559c-4671-bd55-0c65cf88f036

Appoggiato lo zaino e la copertina sotto degli alberi poco distanti dal rifugio e decido di camminare lungo il torrente, per ammirare la bellezza del posto.

Accanto al rifugio scorre il torrente Garza, l’acqua è fresca e molto pulita. Sembra incredibile che sia lo stesso corso d’acqua che in città arriva sporco e maleodorante. Qui è davvero cristallino!
Il Garza nasce dal monte Prealba da più sorgenti e sfocia nel Mella, nei pressi di Capriano del Colle. Fino al 1947 si immetteva naturalmente nel fiume Mella a Bagnolo, ma il suo corso è stato deviato per portare acqua ai territori di brughiera che, per la siccità nei periodi estivi, perdeva buona parte dei raccolti. Molto prima, nel XV secolo, proseguiva lungo via S. Faustino e attraversava i sobborghi della città ricevendo gli scarichi urbani.

8415a25a-0f18-4cf3-b70d-d85fb6d25c84

zona bb

Area barbecue

Sulle rive del torrente sono a disposizione dei visitatori molte aree picnic  attrezzate con tavoli, panche e barbecue. Se vi interessa venire a cucinare una grigliata sul posto, vi consiglio di raggiungere la Valle la mattina presto, specialmente nei periodi  più caldi, in modo da assicurarvi tavolo e barbecue. Mi raccomando: non dimenticate la carbonella e tutto l ‘occorrente per grigliare!
E` sempre gradita la condivisione e, una volta finita la vostra cottura, lasciate libero il barbecue a chi arriva dopo di voi, è un bel modo per fare nuove amicizie e perché no, scambiarsi le ricette!

2f470e58-eee4-4f54-a574-5c73bd31959d

Papilio Machaon

8bc95670-5641-469d-afaf-fd77ca2af0de

CampanulaTridentata

0aae7c01-04b2-4f7d-b588-9ab763078b9d

Ciclamino Selvatico

Proseguo la mia passeggiata:
Il bosco che mi circonda non è  troppo fitto, l’ideale per sdraiarsi su una copertina e rilassarsi: ci sono piante di ogni tipo, tantissime farfalle, bruchi e molti ciclamini… fate attenzione quindi a dove mettete i piedi.

Mi sono messa delle scarpe anti scoglio, quelle che utilizzo al mare, ed ora cammino nel torrente; l acqua è  bassa ed il fondale sassoso; ogni tanto faccio una sosta , tolgo le scarpe e mi riposo seduta su un masso

db533607-4bf3-4aa4-aecf-c5efdac1ff7f

 

Una farfalla è venuta a salutarmi! Credo le piaccia il fiore sul mio cerchietto!

5241c613-6c1c-4673-8ecf-cc9df61fb2db

La fame si fa sentire, quindi torno al mio accampamento per gustare i miei panini!
Il silenzio, l’aria profumata e la temperatura gradevole mi fanno davvero rilassare…

79eefc19-ac7c-427b-a4a8-9e8b30208ed2

Sveglia!!
E` ora della mia lezione di yoga, mi  dirigo al faggeto, non devo perderla!

84eb3727-a645-4efc-9253-8fac5491c47e

L’insegnante è gentile e molto brava.
Alla fine della lezione mi racconta delle proprietà curative e benefiche che si sprigionano nell’abbracciare gli alberi.
Abbraccio subito un nocciolo accanto a me: la sensazione è davvero curiosa ma piacevole… provate!

albero

 

Si è fatto tardi… il tempo è volato e non vorrei più andarmene;  faccio ancora una passeggiata e scopro altri angoli della valle: Una vecchia fontana degli anni 60, un piccolo luogo di preghiera e altri scorci del torrente molto suggestivi.

fontana

madonnina

Edicola Votiva

cba6a4f5-2e42-49a3-965a-66ce20e76e94

Non sembra proprio di essere appena fuori dalla città!
Se avete poco tempo per spostarvi, non volete fare lunghe code domenicali per il Lago o la montagna, questo posto fa per voi ma anche per i vostri bambini ed amici a quattro zampe. Vi basterà portare una coperta, repellente anti zanzare e scarpe adatte all’acqua, se volete passeggiare nel torrente.

c4b615a0-6848-4833-9783-6340ea8f459a
Vi ricordo che il campeggio non è consentito e che i fuochi vanno accesi solo nelle aree riservate al barbecue.

8b02316d-c892-451b-80ec-2ae100daddc2Ora devo proprio andare…
Saluto a malincuore  la Valle ed i simpaticissimi volontari del Rifugio,  che mi hanno fatta sentire subito a mio agio, riprendo l’ auto e scendo verso la calura della città

l.b.

Se avete domande e suggerimenti scrivetemi nei commenti
Ciao dalla Vostra Crackita!

🇮🇹 Alla scoperta dell’Isola del Garda

Comments 33 Standard

Nuovo Kindle Oasis

Read in English🇬🇧

 

IMG_0973Olá!
Questa mattina andrò all’Isola del Garda.
Inizio con una buona colazione a Salò alla Casa del Dolce (Lungolago Zanardelli, 72).
Se capitate da queste parti, fermatevi ad assaggiare una delle loro squisite brioche lievitate con lievito madre!

IMG_1043 2
Nei periodo estivo la famiglia Borghese Cavazza apre le “porte” della loro Isola di Garda organizzando eventi culturali e 3 visite guidate al giorno (tutti i giorni della settimana ad eccezione del sabato e lunedì). La visita dura circa due ore e vi verrà offerto un drink di benvenuto.

Raggiungerò l’isola a bordo del loro motoscafo

IMG_0800 2

Per le persone diversamente abili riporto ciò che ho trovato sul sito web:

“Per persone diversamente abili avvisiamo che ci sono 3 scalinate durante la visita. Su richiesta possiamo accompagnare la persona alla zona di rinfresco con un golf car. Purtroppo in questo caso due terrazze dei giardini non saranno visitabili ma visibili dalla terrazza superiore. Il tour non è adatto a chi è in sedia a rotelle motorizzata, a causa delle difficoltà di accesso alla barca e del trasporto della sedia a rotelle sull’isola. Vi preghiamo di informarci di qualsiasi necessità al momento della prenotazione.“

IMG_0804 2

I cani sono ammessi sull’Isola con un piccolo supplemento di 3 euro; devono stare sempre al guinzaglio e non possono entrare all’interno della villa a meno che non siano abbastanza piccoli per essere tenuti un braccio.

IMG_0812

La trasferta da Salò, Portese, Gardone, Manerba o da San Felice del Benaco all’isola dura 15 min. Da Maderno 25 min mentre da Garda, Bardolino, Torri del Benaco, Gargnano o da Sirmione dura 30 min.
Il prezzo cambia in base alla distanza.
Da Salò il prezzo è di 31 euro.

IMG_0814

Eccomi arrivata!
Guardate che meraviglia il colore dell’acqua vicino all’isola!

IMG_0822

Il porto alle mie spalle fu costruito nel 1830. Purtroppo alla fine del ‘800 la torre venne dimezzata per problemi strutturali. Viene oggi simpaticamente chiamata dalla famiglia “la piccola torre di Pisa” a causa della, ancora oggi, visibile pendenza.

IMG_0846

IMG_0839

Guardate lo splendore di questa piccola darsena!

IMG_0831

Nel corso dei secoli l’isola del Garda ebbe vari nomi legati quasi sempre ai diversi proprietari: insula Cranie, isola dei Frati, isola Lechi, isola Scotti, isola de Ferrari e più tardi isola Borghese.

IMG_0858

Persino S. Francesco valutò questo luogo ideale per i suoi frati; parte dell’isola gli fu donata da Biemino da Manerba permettendogli di istituirci un modesto romitorio nella parte scogliosa a nord.

IMG_0870L’isola all’epoca dei frati

Nonostante le continue incursioni di soldatesche Bresciane, Veronesi e Mantovane i frati non abbandonarono mai questo luogo solitario e con l’arrivo di S. Bernardino da Siena, nel 1429 il modesto monastero venne rinnovato ed ampliato divenendo un importante centro ecclesiastico di meditazione che ospitò illustri personaggi religiosi, tra loro ci fu padre Francesco Licheto della nobile famiglia Lechi di Brescia, che nel 1470 vi istituì una scuola di teologia e filosofia ma, dopo la sua morte, la comunità religiosa dell’isola andò incontro ad una inevitabile decadenza.

IMG_1047 2

Dal 1685 al 1697 fu convento di noviziato dove i frati facevano ritiro. Nel 1797 Napoleone e la Repubblica Cisalpina, acquisì il diritto di proprietà sull’isola ed eliminò il monastero. Negli anni successivi l’isola passò di mano in mano ma fu il Conte Luigi Lechi di Brescia (1817) a disporre importanti opere di restauro e costruzione cedendo l’isola, vent’anni dopo, al fratello Teodoro, ex generale dell’esercito di Napoleone che, a sua volta, apportò ulteriori modifiche con l’aggiunta delle terrazze di fronte alla villa.

IMG_0871

Nel 1860 lo Stato tolse l’isola a Teodoro assegnandola all’esercito con l’idea di costruirvi una fortezza. Tale fortezza non venne però mai costruita e se ne decise la vendita all’asta; la proprietà fu aggiudicata al Barone Scotti che la rivendette al Duca Gaetano de Ferrari di Genova e a sua moglie, l’Arciduchessa russa Maria Annenkoff.

IMG_0867

E cosi, il Duca e sua moglie l’Arciduchessa tra il 1880 e il 1900, si dedicarono alla progettazione e alla realizzazione del parco, costruendo muri di contenimento verso il lago e importando terra fertile e piante esotiche.

IMG_0873

Il palazzo fu arricchito da terrazze sistemate a giardino all’italiana con elaborati disegni di siepi e cespugli fioriti. Prima della morte del Duca nel 1893, i due concepirono insieme il progetto di un palazzo da costruire al posto della vecchia villa Lechi.
La villa in stile neogotico-veneziano venne costruita tra il 1890 e il 1903, su progetto dell’architetto Luigi Rovelli.

IMG_0877

IMG_0853

Le facciate sono decorate da finestre ad arco acute e in quest’angolo si erge una torre coronata da merlature a ricamo in pietra con decorazioni floreali in stile neogotico

IMG_0880

Meraviglioso, non trovate?

Dopo la morte dell’Arciduchessa Maria Annenkoff, l’isola passò in eredità alla figlia Anna Maria de Ferrari, sposa del Principe Scipione Borghese di Roma.

IMG_0882

Anna Maria, donna intrepida, appassionata viaggiatrice e fotografa, amò molto l’isola dove visse tutta la vita curandone il parco e i ricordi di famiglia (1874-1924).

1905-2110_ridimensionare
Anna Maria Borghese de Ferrari
Isola del Garda, 1905 
© Collezione Cavazza

Con la sua morte la proprietà passò a suo marito Principe Scipione Borghese che, nel 1927 la lasciò alla figlia Livia, sposata con il Conte Alessandro Cavazza che successivamente la lasciarono al figlio Camillo, avendo come erede la moglie Charlotte e i loro sette figli,  attuali proprietari.

IMG_0884

IMG_1055

Sulla terrazza centrale davanti alla Villa il giardino è in stile classico all’italiana con siepi sapientemente modellate che rappresentano varie figure ivi compreso lo stemma della famiglia De Ferrari che ha dato vita al giardino

IMG_0865

A destra si trova un bellissimo giardino d’inverno.
Vi confesso che sono una mia passione! Guardate! La bouganville esce dal tetto

IMG_0862.jpg

IMG_0879

Accanto alla villa, crescono palme provenienti dalle Canarie. Sulla terrazza inferiore, in riva al lago si trovano alberi da frutto accompagnate dalle fioriture alternate di rose, iris, lavande, valeriana, cinerarie, buganvillea, margherite, zinnie e dalie che regalano armoniose pennellate di colore e profumi

La Pelagra
L’osteria dell’isola dove il personale era solito trascorrere il tempo libero.

IMG_0898

La parte più suggestiva e selvaggia si trova nella zona pianeggiante dell’Isola, ove si trovano cipressi sempre verdi, cipressi di palude, querce caduche, cedri, pioppi, lauri, platani, abeti e pini di varie specie frammisti ad arbusti ed essenze più tipicamente mediterranee.

Questo parco rimane tutt’oggi un segreto ben conservato, solo da poco tempo aperto ai visitatori

IMG_1053

Saluto a malincuore questo luogo incantevole promettendo a me stessa di ritornare ben presto, magari per assistere ad uno dei fantastici concerti in programma! Qui sotto vi lascio il link dove potete prendere visione della programmazione e prenotare la vostra visita:    Isola del garda

m.s

Se avete domande e suggerimenti scrivetemi nei commenti

Ciao dalla Vostra Crackita!

 

 

 

🇮🇹 La Ciclopedonale dei Sogni sul Lago di Garda: come arrivare, dove parcheggiare info e foto

Comments 33 Standard

Read in English🇬🇧Nuovo Kindle Oasis

IMG_1570

Olá! Oggi percorrerò la Ciclopista dei Sogni che, dall’Hotel Panorama a Limone sul Garda (località Capo Reamol), arriva fino al confine con la provincia autonoma di Trento.

IMG_1607

Larga due metri e mezzo a una cinquantina di metri di altezza a sbalzo sul lago, aggrappata alle pareti di roccia, corre per 2 km parallela alla Gardesana (Strada Statale 45 bis)

C’è da dire che, con la sua struttura metallica e la pavimentazione in calcestruzzo effetto legno, sembra quasi di essere a bordo di un bellissimo veliero
I lavori per la sua realizzazione sono iniziati il 26 settembre 2016 ed è stata inaugurata il 14 luglio 2018.

IMG_1603

La nuova pista ciclabile però, è soltanto l’inizio di un progetto ben più grande:
La futura Ciclovia del Garda con circa 140 km abbraccerà il Lago di Garda toccando le regioni del Trentino, del Veneto e della Lombardia, con possibile collegamento alle Ciclovie del Sole e del Vento.

Come Arrivare:

In Autobus: con la linea Brescia – Riva del Garda di Brescia Nord.

IMG_1761

Eccovi gli orari che ho fotografato in fermata 😉

IMG_1760

In Auto: In problema non è tanto la strada da fare ma dove lasciare l’auto. Il luogo più vicino dove parcheggiare è in centro al paese Limone del Garda. Vi do un aiuto: impostate sul navigatore Via Lungolago Guglielmo Marconi, 50, Limone sul Garda. Li troverete un ampio parcheggio multipiano con, nelle vicinanze, un ampio parcheggio su strada.Vi consiglio di NON avventurarvi a lasciare l’auto nei parcheggi degli hotel vicini alle pista perché rischiate di non trovarla più… Una volta parcheggiato proseguite su Via Lungolago Guglielmo Marconi tenendo il lago alla vostra destra, attraversate Piazza Garibaldi e continuate poi sulla nuova Via Reamol. Passate l’hotel Astor, l’hotel Villa Romantica e, poco più avanti, noterete una scalinata alla vostra sinistra che vi condurrà sulla strada principale SS45bis (in alternativa, volendo evitare le scale, c’è una stradina ripida qualche metro più avanti)
Arrivati allo stradone andate a destra finché non vedete l’inizio della pista. Questa prima tapa sale e scende quindi preparatevi con scarpe comode e bottigliette d’acqua. Ho tracciato (il meglio che ho potuto 😀 ) il percorso nella mappa qui sotto:

mappa.JPG

IMG_1731

Tra andata e ritorno sono circa 9 Km (2,5 dal parcheggio al Hotel Panorama- dove inizia la pista ciclopedonale- e 2 di pista vera e propria)

Noleggio Bike e eBike

Vicino al parking multipiano del lungolago Marconi è stato appositamente allestito un punto di noleggio dove si potranno affittare e-bike da utilizzare esclusivamente per percorrere la nuova ciclopista.
Le tariffe: 20 euro mezza giornata, 30 euro giornata intera.Se avete in programma di prolungare la gita a bordo della eBike rivolgetevi allora a Let’s Go Limone in Via IV Novembre, 20, adiacente al Hotel Limone
Le tariffe: 25 euro mezza giornata, 39 euro tutto il giorno
Da loro potete anche trovare Mountain-bike, City-Bike e biciclette per bambini.Un altro punto dove potete noleggiare la City-Bike è da Tombola Rent in Via Luigi Einaudi, 1/b
Le tariffe: 15 euro 5 ore, 18 euro l’intera giornata

Vi è venuta fame?

 

Se alla fine della passeggiata il morso della fama si fa sentire, come è successo a me, prima di ricuperare l’auto potete fermarvi in riva al LagoIo mi sono fermata qui dove ho trovato un servizio davvero cordiale
Astor Spiaggia Snack bar

 

E per finire la giornata nel migliore dei modi, mi tufferò in queste bellissime acque

IMG_1741

Se avete domande e suggerimenti, scrivetemi nei commenti

 

Ciao dalla vostra Crackita!

Galleria

 

IMG_1730IMG_1757IMG_1574IMG_1577IMG_1597IMG_1634IMG_1594IMG_1720IMG_1727

© copyright, all rights reserved