🇵🇹 A Spasso per Nazaré

Comment 1 Standard

  Read in English

 

Nuovo Kindle Oasis

Nazaré 

IMG_1031

Praça Souza Oliveira

 IMG_0929C’era una volta un nobile che, mentre inseguiva un cervo a galoppo del suo cavalo, vide aprirsi sotto di lui uno spaventoso abisso. Terrorizzato implorò la Vergine Maria che lo salvasse e, miracolosamente, il cavallo si arrestò perciò, in segno di ringraziamento, il nobile decise di fare costruire in quel preciso luogo un santuario in onore della sua salvatrice.
L’episodio è riportato in immagini su dei mosaici che decorano le pareti del piccolo santuario.
Correva l’anno 1182, il nobile proveniva da Porto de Mós e questo sarebbe il racconto dell’origine di Nazaré.

cervo

Ciò che è inconfutabile è che per molti anni gli abitanti di questa cittadina vissero della pesca, prima che diventasse una località turistica.
Negli anni ’60, il turismo ha scoperto il fascino di questo villaggio e Nazaré ha iniziato a farsi conoscere a livello internazionale. Visitato ogni anno da migliaia di turisti nazionali e stranieri, Nazaré è oggi un villaggio moderno e vivace. Percorrere le sue strette vie  perpendicolari al mare, dove le sorprese si nascondono dietro ogni angolo, ci fa riscoprire uno stile di vita lento e autentico.

naom_5a27d88609a84 (1)

Nazaré ha conquistato fama mondiale quando il surfista Garrett Mcnamara ha surfato un’onda di 23,8 metri nel 2011, entrando nel Guinness dei primati come la più grande onda di surf al mondo. Dopo di che, molti surfisti hanno cercato di battere il record nelle onde giganti della Praia do Norte e sempre più visitatori stanno cercando di osservare la forza del Canhão (Cannone): la gola sottomarina di origine tettonica responsabile della formazione di queste onde giganti.

garrett-mcnamara-nazare-2013 (1)

Questo piccolo villaggio di pescatori, con case bianche disseminate su ripidi pendii, circondata da enormi scogliere, ha saputo mantenere molte delle sue tradizioni; non è affatto difficile incrociare un pescatore vestito con camicia a scacchi e pantaloni neri, o una donna indossando le sette gonne, magari mentre svolge qualche tipica attività di pesca come riparare le reti da pesca o mettere ad asciugare il pesce sulla spiaggia.

copricapo

Io indossando il tipico copricapo dalle donne Nazarene

Sítio da Nazaré

IMG_0855

Sítio da Nazaré

Il Sítio da Nazaré è uno dei quartieri principali in cui è iniziata l’intera storia della città. Si erge sulla cima di una montagna ed è un luogo in cui il pellegrinaggio e il culto prevalgono, poiché è lì che la Madonna di Nazaré, secondo la leggenda, è apparsa. E’ possibile accedere alla parte superiore del villaggio sia in auto che a piedi – tramite una scala – ma vi consiglio il pittoresco ascensor (funicolare) che dalla Praia da Vila porta fino in cima al Sítio da Nazaré dove si trovano alcuni luoghi degni di nota: l’Eremo della Memoria, il Santuario di Nossa Signora da Nazarè, il belvedere del Suberco, il forte di São Miguel Arcanjo e, scendendo poi dall’altra parte, la Praia do Norte (dove ci sono le onde più grandi e si svolgono i campionati di surf).

Arrivati in cima troviamo il bellissimo belvedere di Rua do Horizonte. Da qua su abbiamo una incredibile vista della spiaggia e di Pederneira, nel lato oposto della spiaggia, che  durante i secoli XII e XIV fu un porto di mare, con uno dei cantieri navali più attivi del regno del Portogallo.

IMG_0956

Belvedere di Rua do Horizonte

IMG_0953

IMG_0886.JPG


Santuário de Nossa Senhora da Nazaré

 

Il Santuario di Nossa Senhora da Nazaré (Nostra Signora di Nazaré) si trova nella piazza principale del Sítio da Nazaré. È un tempio molto importante, totalmente dedicato alla santa patrona, la Santa di Nazaré. È lì che si svolge la grande festa per celebrare il giorno in cui apparve, l’8 settembre. Questa festa è annuale e dura circa 10 giorni. La chiesa risale al XVII secolo ed è stata costruita dal Re Don Fernando per conservare l’immagine della vergine dopo il crescente pellegrinaggio alla Cappella della memoria o Ermitage della memoria.

 

 

IMG_0910  IMG_0904  IMG_0899


Capela da Memoria

IMG_0878

La piccola cappella della memoria è di grande importanza per il villaggio di Nazaré poiché, come detto prima, proviene dalla fondazione di questo villaggio di pescatori. Stando alla leggenda, la cappella fu costruita accanto a queste grandi scogliere per ordine di Don Fuas Roupinho, sindaco di Porto de Mós, un villaggio vicino. Sia il suo interno che la facciata della cappella quadrata sono decorati da bellissimi pannelli di piastrelle bianche e blu del 17 ° e 18 ° secolo, dove è possibile vedere le allusioni alla leggenda di Don Fuas Roupinho.

IMG_0857

IMG_0861

IMG_0863

Accanto alla cappella, un monolite ricorda la visita di Vasco da Gama, che chiese fortuna alla Vergine nei suoi pericolosi viaggi.

IMG_0875.JPG

IMG_0874.JPG

 


Miradouro do Suberco

A pochi passi dalla Capela da Memoria si trova il belvedere Suberco che, alto 110 metri, offre un panorama sul mare mozzafiato.

miradoro

Miradouro do Suberco


Forte de São Miguel Arcanjo

Crackita al faro

Dal Belvedere del Suberco, scendendo a destra per la Estrada do Farol si arriva all’estremità della scogliera rocciosa dove si trova il forte di São Miguel Arcanjo. La fortezza fu eretta dal Re Don Sebastião nel 1577 come protezione dagli attacchi alla popolazione di pescatori da parte dei pirati algerini, marocchini e normanni. I successivi lavori di miglioramento e ampliamento furono commissionati a metà del diciassettesimo secolo dal Re Don João IV. Sul portale principale si trova un rilievo originale con l’immagine di San Michele Arcangelo, accompagnata dalla leggenda “Rei Dom João o Quarto – 1664”, a segnare la data di questi lavori.

IMG_0774

faro

Questo promontorio offre eccellenti viste panoramiche, con la spiaggia di Salgado a est, il villaggio di Nazaré a nord e la Praia do Norte a ovest.

IMG_0785

praia del norte 1

Praia do Norte

praia

l’ingresso costa 1 euro e ne vale la pena. All’interno sono esposte le tavole da surf di alcuni dei campioni.

surf


 Museo Dr. Joaquim Manso

banner final_2012_b cópia (1)Situato in  Rua D. Fuas Roupinho 22, nel quartiere Sítio da Nazaré, o Museu Dr. Joaquim Manso popolarmente conosciuto come Museu da Nazaré è un museo regionale, dove si possono ammirare diverse collezioni permanenti e alcune mostre temporanee. Un museo storico-culturale della regione incentrato sulla cultura del mare. Le testimonianze millenarie e storiche della presenza umana su questa costa, la storia del villaggio e il culto di Nostra Signora di Nazaré, le barche e gli attrezzi da pesca, il lavoro, le feste e i costumi tradizionali, sono temi che compongono il percorso espositivo allo scopo di svelare l’identità della regione e la sua intima relazione con l’oceano.

34830679_1571692339619854_1857002610200936448_n (1).jpg

Praia do Norte

IMG_0753

Conosciuta per le sue onde grandi, perfette e incredibili, Praia do Norte è sotto l’influenza del fenomeno “Canhão da Nazaré“. Si tratta di un raro incidente geomorfologico, il più grande in Europa e uno dei più grandi al mondo, costituito da una faglia sulla placca continentale lunga circa 170 chilometri e profonda cinque chilometri. Il “Canhão da Nazaré” convoglia le onde dell’oceano Atlantico a Praia do Norte, praticamente senza ostacoli, fornendo la creazione di onde di dimensioni insolite rispetto al resto della costa portoghese. Un vero parco giochi per gli amanti degli sport d’onda.
Il periodo delle grandi onde è tra ottobre e marzo.

IMG_0754

Praia do Norte


Grotta naturale del Forno de Orca

La naturale Grotta del Forno de Orca è situata nella Praia do Norte alla base del promontorio del forte di São Miguel Arcanjo. Modellata in una struttura calcarea è testimonianze della attività erosiva del tempo. Durante la bassa marea la grotta è facilmente raggiungibile contrariamente a quando c’è l’alta marea e le forti onde si scagliano violentemente contro la scogliera entrano nella grotta.

IMG_0814forno


Praia da Vila da Nazaré

IMG_0951

I primi riferimenti sulla pesca a Nazaré risalgono al 1643, tuttavia, solo all’inizio degli ottocento la popolazione cominciò a sistemarsi vicino alla spiaggia. I pescatori locali vivevano soprattutto negli altipiani – Sítio e Pederneira – a causa dei continui attacchi dei pirati che rendevano la spiaggia insicura. Fu solo nel secolo. XIX, dopo le invasioni francesi, che le condizioni di sicurezza necessarie furono soddisfatte affinché i pescatori si stabilissero vicino all’acqua.
La spiaggia della Vila è la più frequentata dalla popolazione locale, è qui che le donne mettono il pesce a seccare e dove è possibile acquistarlo. Il lungomare è il posto ideale per passeggiare e fare qualche acquisto. 

vila 1

vila

IMG_1045


Praia do Salgado

Praia-do-Salgado-Nazare.jpg Un’altra bellissima spiaggia è la Praia do Salgado. Rimane a sud, lontana dal centro del villaggio, ci si arriva in auto, ma c’è un parcheggio pubblico gratuito, molto vicino alla spiaggia. Protetta da Serra da Pescaria (a nord) e dalla Serra dos Mangues (a sud),  è la destinazione preferita da coloro che amano la tranquillità. E’ altrettanto molto ambita da chi pratica sport di avventura come il deltaplano o il parapendio per vie delle sue condizioni naturali. 
La qualità delle acque della spiaggia di Salgado  ha ottenuto diversi riconoscimenti “Golden Qualità”, certificato rilasciato dall’Associazione Ambientalista Quercus.
La spiaggia non è sorvegliata da bagnini.

 

Monumento alla Donna di Nazaré

Il Monumento alla Donna di Nazaré si trova nel Largo dos Cedros all’interno del villaggio turistico di Nazaré Questo monumento in onore della donna nazarena è stato creato da Fernando Pedro e inaugurato nel 1998. Fontana con scultura in ferro che onora la donna nazarena, da sempre di carattere forte, lavoratrice e devota al villaggio. Mentre i nazareni si avventuravano in mare, le donne rimanevano sulla spiaggia, dedicandosi alla vendita e alla essiccazione del pesce e, anche se diminuita nel corso del tempo, questa tradizione è tutt’oggi attiva nelle spiagge di Nazaré.

Una curiosità inerente al abbigliamento tipico delle donne di Nazaré sono le Sette Saias. Le sette gonne fanno parte della tradizione, del mito e delle leggende di questa terra così strettamente legata al mare. Dicono che rappresentano le sette virtù; i sette giorni della settimana; i sette colori dell’arcobaleno; le sette onde del mare, tra le altre attribuzione bibliche e magiche che coinvolgono il numero sette. Le Nazarene avendo l’abitudine di aspettare a lungo i loro mariti e figli, dal ritorno della pesca, sulla spiaggia, sedute sulla sabbia, usavano le varie gonne per coprirsi dal freddo: quelle superiori per proteggere la testa e le spalle e le altre per coprire le gambe, rimanendo così sempre “composte”.

Nazarene


Casa Museu dos Pescadores

La piccola e bellissima Casa Museo dei Pescatori rimane in Rua João Sousa Lobo 10B  nel villaggio turistico di Nazaré.
Inaugurata nel 1999,  è stata creata dall’iniziativa privata di un amante delle tradizioni della sua terra natia.
Interno ed esterno rappresentano la tipica casa di una famiglia di pescatori e venditori di pesce tra gli anni 1930 e il 1950 con elettrodomestici e mobili dell’epoca e alcune miniature di vecchie barche di Nazaré.
Purtroppo l’ho trovato chiuso con il cartello “vendessi”…

IMG_0988

 

Capela da Nossa Segnora dos Aflitos

Si trova sull’Avenida da Republica da Nazaré, di fronte al mare.
Dedicata al culto di Nostra Signora degli Afflitti fu costruita nel 1760, per volere dei monaci cistercensi di Alcobaça, per lì ricevere la decima del pesce, dato che i pescatori si rifiutavano di andare fino a Pederneira per pagare la tassa.
Sulla porta c’era una fessura e all’interno una cassa di legno inchiodata, dove i devoti lasciavano le loro elemosine per la Santa
La facciata è interamente rivestita con azulejos a motivi bianchi e blu.

IMG_1035


Capela de Santo António

La cappella di Santo António si trova anch’essa sul lungomare Avenida da Republica da Nazaré. Fu costruita nel 1861, con il denaro dei pescatori, che contribuirono all’1% dei loro profitti come “denaro per il Santo”. La sua facciata è completamente ricoperta di piastrelle. Il suo interno, a navata unica, coperto da un tetto in legno e sulle pareti decorate con azulejos ad effetto boiserie.
All’interno sulla cappella principale è esposta l’immagine di Sant’António.

s antonioIMG_1041


Dove mangiare?

Sebbene si mangi divinamente quasi ovunque vi consiglio il ristorante A Tasca a conduzione familiare da Miguel e sua moglie Adàlia: Miguel si occupa dei tavoli mentre Adàlia è la regina dei fornelli. Troverete abbondanti piatti di cucina casalinga e, pure se berete del vino, son spenderete comunque più di €15,00.
L’indirizzo: Rua 25 de Abril, 29 – Sìtio da Nazaré


Questo slideshow richiede JavaScript.

m.s.

Se avete domande o suggerimenti, scrivetemi nei commenti!
Ciao dalla vostra Crackita

 

Un pensiero su “🇵🇹 A Spasso per Nazaré

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...