🇮🇹A spasso per Mantova – Walking around Mantua

Comments 7 Standard

kkk

mantova-crop (1)

Sorge sulla sponda del fiume Mincio, nel punto in cui le sue acque formano una profonda ansa, che abbraccia la città e crea il Lago Superiore, il Lago di Mezzo e il Lago Inferiore. Ricca di arte e cultura – Capitale Italiana della Cultura per l’anno 2016 – Mantova è  una delle più belle città del territorio Lombardo

It stands on the bank of the river Mincio, where its waters form a deep bend, which embraces the city and creates  Superior Lake, the Lago di Mezzo and Lake Inferiore. Rich in art and culture – Italian Capital of Culture for the year 2016– Mantua is one of the most beautiful cities in the Lombardy region

IMG_8200

Arrivo a Mantova da Via Legnago attraversando il porte-diga che divide il lago di Mezzo dal Lago Inferiore. Vi consiglio lo stesso ingresso, si ha un colpo d’occhio a dir poco fantastico!

Se trovate dificoltà a trovare parcheggio in centro città potete lasciare l’auto  nel piazzale adiacente allo stadio (ex piazzale Montelungo) e usufruire del Bus Navetta gratuito per raggiungere il centro della città però solo nei giorni di giovedì (dalle 7.00 alle 13.00), sabato e domenica (dalle 9.00 alle 21.00). Corse ogni 10 minuti. Per altre informazioni cliccate qui.

I arrive in Mantua from Via Legnago, crossing the bridge-dam that divides Lake di Mezzo from the Inferiore Lake. I recommend the same entrance, you have a glance to say the least fantastic!

If you find it difficult to park in the city center you can leave the car in the square near the stadium (former square Montelungo) and take the free shuttle bus to reach the city center, however, only on Thursday (from 7.00 to 13.00), Saturday and Sunday (from 9.00 to 21.00). Racing every 10 minutes.
For other information click here.

Mantova_-_Piazza_Sordello

Piazza Sordello

Piazza Sordello, fu dedicata al poeta Sordello da Goito. La prima denominazione della piazza fu Piazza di San Pietro. Realizzata nel 1330 questa piazza risale al Basso Medioevo e fu per secoli il centro della vita politica religiosa e mondana di Mantova, su di essa infatti si affacciano, i maggiori edifici cittadini, tra cui il Duomo, il Palazzo Bianchi, il Palazzo Ducale , la Torre della Gabbia e Palazzo Castiglioni.

Piazza Sordello a 360°

Piazza Sordello, was dedicated to the poet Sordello da Goito. The first name of the square was Piazza di San Pietro. Built in 1330 this square dates back to the late Middle Ages and was for centuries the center of religious and social life in Mantua, on it overlook the major city buildings, including the Duomo, Palazzo Bianchi, the Palazzo Ducale, the Torre della Gabbia (tower of the Cage) and Palazzo Castiglioni

Duomo san pietro

Duomo di San Pietro

Il Duomo, di origine paleocristiana, viene ricostruito in epoca medievale (probabilmente su commissione di Matilde di Canossa) inizialmente in stile romanico. Viene poi ampliato agli inizi del secolo XV con Francesco Gonzaga. In suo interno invece, fu restaurato nel 1545 dall’artista Giulio Romano.
A testimonianza del suo lungo passato storico, una sovrapposizioni di stili compongono questo magnifico edificio: il campanile romanico, la facciata tardo-barocca e la fiancata destra del Duomo in cotto rosso in stile gotico, dovuto agli interventi effettuati negli anni tra il 1395 e il 1401

The Cathedral, of early Christian origin, was rebuilt in the Middle Ages (probably commissioned by Matilde di Canossa) at first in Romanesque style. It was then expanded at the beginning of the fifteenth century with Francesco Gonzaga. The inside was restored in 1545 by the artist Giulio Romano.
As evidence of its long historical past, an overlap of styles make up this magnificent building: the Romanesque bell tower, the late-Baroque facade and the right side of the Duomo in red terracotta gothic style, due to the interventions carried out between 1395 and 1401

palazzo- banchi o vescovile

Palazzo Vescovile

A seguire, in ordine anti-orario: il Palazzo Vescovile ex Palazzo Bianchi.
Appartenne, in origine, alla famiglia mantovana degli Agnelli, che nel 1288 ne cedette la proprietà a Rinaldo Bonacolsi.
A metà del Settecento il conte Guido Portai fece costruire il presente palazzo al posto dei due edifici preesistenti per poi venderlo, nel 1756, al marchese Giuseppe Bianchi che, a sua volta, finì i lavori aggiungendo un sountuoso scalone e facendo affrescare i soffitti a volta del primo piano da Giuseppe Bazzani.
L’edificio passò in mano alla diocesi nel 1823, e oggi accoglie la residenza del vescovo.

Afterwards, in anti-schedule order: the Palazzo Vescovile ex Palazzo Bianchi.
It originally belonged to the Mantuan family of the Agnellis, who in 1288 sold it to Rinaldo Bonacolsi.
In the mid-eighteenth century Count Guido Portai had the present building built instead of the two pre-existing buildings and then sold it in 1756 to the Marquis Giuseppe Bianchi who, in turn, finished the works adding a soothing staircase and frescoing the vaulted ceilings of the first floor by Giuseppe Bazzani.
The building passed into the hands of the diocese in 1823, and today houses the bishop’s residence.

palazzo-castiglioni

Palazzo Castiglione

Il palazzo Castiglione, interamente in cotto sormontato da merli ghibellini, fu edificato alla fine del XIII secolo da Pinamonte dei Bonacolsi su un terreno acquistato da Rolandino de Pacis, che ne fece la dimora della sua potente famiglia.
Pinamonte acquisì ed affiancò al palazzo altri edifici contigui nella civitas vetus, tra i quali la torre della Gabbia, simbolo del potere dei Bonacolsi.
Il palazzo venne lasciato dal padre in eredità al figlio secondogenito Bardellone, suo successore nel governo della città.
La famiglia Bonacolsi ha governato Mantova nel corso del XIII secolo fino a quando, il 16 agosto 1328, l’ultimo Bonacolsi, Rinaldo, è stato rovesciato durante una rivolta sostenuta da Luigi Gonzaga, che ha preso il potere.
Oggi l’edificio ospita un Luxury Suites Hotel

The palace Castiglione, entirely in terracotta surmounted by Ghibelline merlons, was built at the end of the 13th century by Pinamonte dei Bonacolsi on land purchased by Rolandino de Pacis, who made it the home of his powerful family.
Pinamonte acquired and added to the palace other contiguous buildings in the civitas vetus, among which the Torre della Gabbia, symbol of the power of the Bonacolsi.
The palace was left by his father in inheritance to his second son Bardellone, his successor in the city government.
The Bonacolsi family ruled Mantua during the thirteenth century until, on 16 August 1328, the last Bonacolsi, Rinaldo, was overthrown during a revolt supported by Luigi Gonzaga, who took power.
Today the palace houses a Luxury Suites Hotel

torre della gabbia

Torre della Gabbia

La Torre della Gabbia, alta 55 metri, risalente al sec XIII, acquisì il suo nome quando, nel 1576, il duca Guglielmo Gonzaga fece costruire la grande gabbia in ferro come “carcere all’aperto”. Fino ad allora era nota come torre degli Acerbi.
Nella gabbia sospesa venivano esposti alla pubblica piazza i condannati che a volte vi rimanevano anche per lungo tempo; a volte la pena era temporanea e il condannato riceveva cibo e bevande, mentre in caso di condanna a morte veniva lasciato morire di fame e di sete.

The 55-meter-high Torre della Gabbia, dating back to the XIII century, acquired its name when, in 1576, Duke Guglielmo Gonzaga built the large iron cage as an “outdoor prison”. Until then it was known as the Acerbi tower.
In the suspended cage, the condemned men who sometimes stayed there for a long time were exposed to the public square; sometimes the sentence was temporary and the convict received food and drink, while in case of death sentence he was left to die of hunger and thirst.

IMG_8453

Palazzo Ducale

Alle mie spalle il Palazzo Ducale, noto anche come Reggia dei Gonzaga o ancora Palazzo del Capitano – parte del complesso del palazzo ducale – viene edificato tra la fine del XIII secolo e l’inizio del XIV secolo era la residenza dei Benacolsi, signori della città.

Behind me the Palazzo del Capitano, also known as the Reggia dei Gonzaga or even Palazzo del Capitano– part of the ducal palace complex – was built between the end of the thirteenth and the beginning of the fourteenth century and was the residence of the Benacolsi, lords of the city.

image.JPG

Dalla parte opposta dal Duomo, esco da Piazza Sordello passando sotto l’arco, percorro via Broletto fino ad arrivare al Palazzo del Podestà.

La sua costruzione iniziò nel 1227 e ancora oggi rappresenta il simbolo testimonianza della gloriosa epoca storica comunale della città di Mantova. Ancora chiuso al pubblico e sottoposto a un importante restauro iniziato dopo gli eventi sismici del 2012

On the opposite side of  Duomo, I go out from Piazza Sordello passing under the arch, along Via Broletto until I reach the Palazzo del Podestà.

Its construction began in 1227 and still today represents the symbol of the glorious historical city of Mantua. Still closed to the public and subjected to an important restoration started after the seismic events of 2012

Palazzo della Podestà

Palazzo del Podestà e Palazzo della Ragione Prima del sisma

Il Palazzo della Ragione rissale a metà del sec XIII, fu costruito sui resti di un precedente edificio che la famiglia Canossa aveva destinato ad ospizio dei pellegrini in visita a Mantova e alle reliquie del Preziosissimo Sangue di Cristo. In seguito fu adibito a palazzo Comunale e, successivamente, a mercato.
Nel periodo dei Gonzaga l’edificio fu congiunto al Palazzo del Podestà e adibito nel sec XV a palazzo di Giustizia ed archivio notarile. Dello stesso periodo sono il porticato esterno verso Piazza Erbe e la Torre dell’Orologio.

The Palazzo della Ragione dates back to the middle of the 13th century and was built on the remains of a previous building that the Canossa family used as a hospice for pilgrims visiting Mantua and the relics of the Precious Blood of Christ. Later it was used as a town hall and after to market.
In the period of the Gonzagas, the building was joined to the Palazzo del Podestà and used in the 15th century to the Palazzo di Giustizia and the notary archives. From the same period are the external portico towards Piazza Erbe and the Torre dell’Orologio.

piazza delle erbe.JPG

In  Piazza Erbe, attaccato alla Torre del Orologio si trova la Rotonda di San Lorenzo, un notevole esempio di arte romanica realizzata nel 1083, recuperando un precedente edificio romano del IV secolo, probabilmente un tempio o una tomba a tholos.

In Piazza Erbe, attached to the Clock Tower ther’s the Rotonda di San Lorenzo, a remarkable example of Romanesque art built in 1083, recovering a previous Roman building of the fourth century, probably a temple or a tholos tomb.

IMG_8455IMG_8456

la chiesa Rotonda Di San Lorenzo conserva frammenti di affreschi dei secoli XI-XII che rappresentano un raro esempio di pittura Romanico-Lombarda, di evidente scuola Bizantina.

The Rotonda Di San Lorenzo church preserves fragments of frescoes from the 11th-12th centuries that represent a rare example of Romanesque-Lombard painting, of an evident Byzantine school.

IMG_8457

Basilica di Sant’Andrea

Continuando la mia passeggiata per lo centro storico arrivo in Piazza Andrea Mantegna. Qui si trova  la più grande chiesa di Mantova: la basilica concattedrale di Sant’Andrea. Frutto di un restauro di una chiesa del 1055, da un progetto dell’architetto Leon Battista Alberti,  venne completata molti anni dopo la sua morte. Il risultato non rispetta in tutto il progetto originali, d’altronde ci sono voluti quasi trecento anni…
Classificata come Basilica Minore, conserva nella cripta due reliquiari con terra intrisa di sangue di Cristo,  portato dal soldato romano Longino nel anno 804.

Continuing my walk through the historic center, I arrive in Piazza Andrea Mantegna. Here is the largest church in Mantua: the concathedral basilica of Sant’Andrea. The result of a restoration of a church from 1055, a project by the architect Leon Battista Alberti, was completed many years after his death. The result does not respect the original project, on the other hand it took almost three hundred years…
Classified as a Minor Basilica, it preserves in the crypt two reliquaries with earth soaked in Christ’s blood, brought by the Roman soldier Longino in the year 804.

IMG_8220IMG_8217

organo

Tra la  meraviglie daammirare all’interno, cè l’organo a canne, costruito nel 1850 dalla Fabbrica Nazionale Privilegiata d’Organi Fratelli Serassi di Bergamo

Among the wonders to be admired inside, there is the pipe organ, built in 1850 by the Fabbrica Nazionale Privilegiata d’Organi Fratelli Serassi of Bergamo


IMG_8249

Pausa pranzo all’Osteria Sordello.

Lunch break at the Osteria Sordello.

IMG_8463

…ah, non posso resistere a canticchiare (stonatamene) la mia aria preferita: “caro nome” !

La Casa di Rigoletto è una piccola abitazione, risalente al sec XV, al civico 23 di Piazza Sordello. La costruzione nota a tutti come la Casa del Rigoletto – il buffone di corte dell’omonima opera di Verdi – fu per secoli abitata dai canonici del Duomo. Attualmente ospita la sede dell’ufficio informazioni turistiche di Mantova.

Between legend and reality I find myself in front of the House of Rigoletto.
… oh, I can’t resist humming (out of tune) my favorite air:  
“caro nome” !

The house of Rigoletto is a small house, dating back to the XV century, at number 23 of Piazza Sordello. The building is known to all as the Casa del Rigoletto – the court jester of the homonym Verdi‘s opera – was for centuries inhabited by the canons of the Duomo. Currently it houses the headquarters of the tourist information office in Mantua.

IMG_8256

Il Palazzo Te era in cima alla mia lista delle cose da visitare a Mantova.
Mi stupisco dalle scarse indicazioni lungo la strada, utili a guidare i forestiere come me. Anche ora, che ci sono arrivata, fatico a trovare l’ingresso… dopo tutto, il palazzo Te è un edificio monumentale importante.
Palazzo Te fu costruito tra il 1525 e il 1534 su commissione di Federico II Gonzaga in onore dell’amante Isabella Boschetti ed era una grandiosa villa suburbana destinata allo svago, alle feste e ai ricevimenti di Corte Gonzaga.
E’ l’opera più celebre dell’architetto italiano Giulio Romano.
Devo essere assolutamente sincera: credo che questo luogo si meriterebbe una abbellimento dell’aria circostante.

Palazzo Te  was at the top of my list of things to visit in Mantua.
I am surprised by the poor indications along the way, useful to drive the strangers like me. Even now, when I got there, I struggle to find the entrance … after all, the Palazzo Te is an important monumental building.
Palazzo Te was built between 1525 and 1534 on commission of Federico II Gonzaga in honor of the lover
Isabella Boschetti and was a grandiose suburban villa for entertainment, parties and receptions by Corte Gonzaga.
It is the most famous work of the Italian architect Giulio Romano.
I must be absolutely sincere: I think this place deserves an embellishment of the surrounding
area.

IMG_8268IMG_8267IMG_8269IMG_8270IMG_8266 (1)

IMG_8276

Come si legge nella targhetta, questo modello ci ripropone il palazzo originale reintegrando le parti scomparse e cancellando le parti sovrapposte in epoche successive

As we read on the plate, this model shows us the original building by reintegrating the missing parts and erasing the superimposed parts in successive epochs

IMG_8589

Se avete domande e suggerimenti scrivetemi nei commenti
Ciao dalla Vostra Crackita!

If you have questions and suggestions, write me in the comments
Ciao from your Crackita!

 

 

7 pensieri su “🇮🇹A spasso per Mantova – Walking around Mantua

  1. Pingback: A spasso per Mantova – Walking around Mantua | A Spasso con Crackita

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...